LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



‘Ndrangheta. Sequestrati a cosca 360 mila euro in contanti

2 min read

Un colpo alla “cassaforte” dei Mannolo di San Leonardo di Cutro: è quello assestato con l’operazione “Soldi rosso sangue” condotta dalla Guardia di finanza di Crotone, con il coordinamento del Procuratore della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e diretta dal sostituto Domenico Guarascio, che ha portato al sequestro di 360 mila euro in contanti a disposizione della cosca

I finanzieri, al’alba, hanno compiuto una serie di perquisizioni in esecuzione di un provvedimento a carico di persone accusate di aver nascosto denaro contante, provento delle attività criminali, per conto del capo del “locale di ‘ndrangheta” di San Leonardo di Cutro.

Già l’indagine “Malapianta”, sempre condotta dalla Guardia di finanza crotonese aveva consentito di scoprire l’esistenza di un “locale” nell’agro di San Leonardo, facente capo alle famiglie Mannolo, Trapasso e Zoffreo, con ramificazioni in Puglia, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e proiezioni estere con a capo Alfonso Mannolo, attualmente detenuto. Dall’indagine erano emersi elementi che facevano ritenere l’ausilio di “insospettabili” utilizzati per custodire somme di denaro.

 Grazie ai contenuti di alcune intercettazioni e alle dichiarazioni di Dante Mannolo, figlio del boss divenuto collaboratore di giustizia, si è arrivati adesso ad identificare alcuni soggetti e siti dove era presumibile ritenere fossero occultate somme di denaro contante. Così durante una perquisizione, nascoste all’interno di intercapedini dei muri di un’abitazione e di un muro di cinta di una villa, è stata trovata la somma posta sotto sequestro. Gli inquirenti ritengono che il denaro, probabile provento di attività di usura, estorsione e traffico di droga, dovesse essere reimpiegato nelle attività criminali della cosca. Si prevedono ulteriori sviluppi.