Nocera, dimissioni del sindaco: i sospetti della maggioranza

In Politica On
Nocera, dimissioni del sindaco:i sospetti della maggioranza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera che la scorsa amministrazione comunale di Nocera Terinese ha inviato al Prefetto di Catanzaro, Francesca Ferrandino

Di seguito la missiva:

Premesso che, l’Amministrazione Comunale della quale facciamo parte ognuno nelle sue funzioni termina oggi il suo brevissimo percorso amministrativo senza aver potuto iniziare nemmeno il suo cammino, considerato che, siamo stati eletti il 10 giugno del 2018.

Il Sindaco, Massimo Pandolfo, il 10 agosto ha ritenuto di rassegnare le dimissioni.

Le motivazioni del Sindaco, racchiuse in una scarna missiva, sarebbero riconducibili ad un forte stato di stress psicologico che lo avrebbe colpito, in conseguenza di una situazione generale di difficoltà dell’ente, sia per l’enorme dissesto finanziario nel quale versa il Comune di Nocera Terinese, sia per la totale indisponibilità a collaborare di alcune fondamentali figure della burocrazia comunale.

Rispettiamo il malessere del Sindaco sul piano umano.

E condividiamo anche il giudizio sullo stato della burocrazia comunale, tuttavia, non condividiamo il gesto di abbandonare la guida dell’ente.

Anzi riteniamo che tale scelta sia un atto di irresponsabilità nei confronti di tutta la comunità.

Abbiamo fatto di tutto per fare cambiare idea al nostro primo cittadino, offrendogli anche diverse proposte per poter proseguire la legislatura e contemporaneamente metterlo nelle condizioni psicologiche di recupero psico-fisico.

Il Sindaco, tuttavia, ha ritenuto di declinare le proposte che sono arrivate.

Ci auguriamo che le motivazioni che il Sindaco ha addotto per giustificare le proprie dimissioni siano reali e che, lo stesso, non abbia subito pressioni e influenze di nessun tipo, anche perché, siamo consapevoli che, sia l’istituzione, che il territorio, da anni, a causa di potenti lobby legati alla gestione dei corposi interessi del territorio, rendono instabile i governi dell’ente.

Se il Sindaco avesse taciuto eventuali pressioni del genere, la gravità del suo atto sarebbe molto più pesante.

Fatta questa premessa, dunque, riteniamo doveroso indirizzare questa missiva a S. E. Il Prefetto di Catanzaro perché a nostro avviso è indispensabile e non più rinviabile una verifica radicale sullo stato di tenuta e sulla salubrità dell’istituzione comunale. Appena insediati avevamo proposto al Sindaco un provvedimento di rotazione dei responsabili delle Aree, inamovibili da 20 anni.

Ritenevamo che, un atto del genere potesse essere un segnale di trasparenza e, parallelamente, avrebbe potuto spezzare aderenze e inquinamenti che si percepiscono a naso.

Il Sindaco non ha ritenuto di adottare un tale provvedimento oppure non ne ha avuto il tempo.

La maggioranza consiliare, nel formulare la proposta, partiva da una riflessione molto semplice: se sull’enorme dissesto ci sono indubbiamente oggettive responsabilità politiche, è assolutamente evidente che, da tali responsabilità, non siano immuni coloro che hanno ricoperto ruoli nella struttura apicale della burocrazia.

Inoltre, nel comune e nel territorio vige uno stato di illegalità diffusa, soprattutto relativamente all’urbanistica e l’assoluta mancanza di controlli. E non possiamo omettere di evidenziare che, proprio sull’affidamento della responsabilità dell’area tecnica, in questi 60 giorni si sia consumata la maggiore fibrillazione e resistenza interna ed esterna.

Proprio il giorno prima delle dimissioni del Sindaco, infatti, avevamo trovato la soluzione politica e amministrativa della direzione dell’ufficio tecnico. Sarà un caso che proprio il giorno dopo e, alla vigilia di un cambio storico nell’assetto dell’ufficio tecnico, siano arrivate improvvise le dimissioni?

Sappiamo che il Sindaco Massimo Pandolfo è una persona perbene. E tuttavia conosciamo troppo bene questo territorio per credere che, la sua rinuncia sia riconducibile ad un semplice malessere psico-fisico.

Il precedente responsabile dell’ufficio tecnico si era messo in malattia pochi giorni dopo l’insediamento del nuovo Sindaco.

Mentre lo storico dirigente dell’ufficio Tecnico con una lettera aveva comunicato al Sindaco di trovarsi nelle condizioni di incompatibilità finanche a ricoprire il ruolo di RUP, perché sotto processo per presunti reati inerenti alla funzione di responsabile dell’ufficio stesso. Stessa situazione si è verificata nell’area finanziaria.

A voler essere generosi tali atteggiamenti ci sono apparsi come pressioni per mantenere lo status. Bloccare la macchina amministrativa per far “comprendere” alla nuova amministrazione che senza l’apporto delle inossidabili figure amministrative nessuno governa.

Altra anomalia riguarda OSL relativa al dissesto finanziario retto dalla dottoressa Colacione e assistita dal dott. Calende della Prefettura, avevamo evidenziato al Sindaco che la linea tenuta da coloro che reggono l’organismo, ad avviso della maggioranza, finirà per produrre un macro contenzioso più pesante del dissesto stesso. Contenzioso di cui le conseguenze ricadranno sul comune e sui noceresi.

Inoltre, ad oggi, non si comprende la lentezza nella definizione della massa passiva a ormai due anni dall’insediamento dell’organismo. Tra l’altro, nel corso di questi due mesi abbiamo rilevato un’influenza poco ortodossa di Calende e Colacione nelle politiche amministrative e nelle prerogative del riassestamento del personale. Intromissioni e pressioni che sono state riferite dal Sindaco nel corso di riunioni di maggioranza in relazione alla riorganizzazione del personale comunale.

Alla luce di quanto contenuto in questa missiva riteniamo che sia necessaria che S.E. il Prefetto compia una puntuale verifica su tali aspetti. Come riteniamo che la Prefettura verifichi influenze e pressioni esterne nei confronti degli uffici e dei loro responsabili.

Con rammarico il nostro lavoro amministrativo termine qua, siamo assolutamente consapevoli che qualcosa e qualcuno abbia impedito a questa amministrazione di assolvere al proprio mandato. Ciò rappresenta un vulnus alla democrazia rappresentativa che, perlomeno, va accertato e verificato.

Rimaniamo comunque a disposizione della S.V. per qualsiasi altra delucidazione non ben evidenziata in questa missiva.

In Fede

Franco Macchione Vice Sindaco

Antonio Albi – Presidente del Consiglio Comunale

Giovanna Puteri – Assessore

Patrizia Vaccaro – Assessore

Domenico Motta – Assessore

Giuliano Trunzo – consigliere comunale

Salvatore Grandinetti – consigliere comunale

Walter Grandinetti – consigliere comunale

Articoli Correlati

Lamezia, per il Chiostro Caffè Letterario arriva il bilancio delle attività

LAMEZIA. Tempi di bilanci per il Chiostro Caffè Letterario nato da un gruppo di associazioni e realizzato nei locali

Read More...

Badolato, incendiate quattro vetture parcheggiate nella stessa via

BADOLATO. Quattro vetture sono state distrutte da un incendio la notte scorsa a Badolato. Le vetture erano parcheggiare su

Read More...

Sopralluoghi sull’A2 e al porto di Gioia Tauro per il ministro Toninelli

Seconda giornata di visita in Calabria del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Questo il resoconto dello stesso esponente di

Read More...

Mobile Sliding Menu