LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Non solo corsi e manuali: i libri sulla Borsa nel 2021

3 min read
borsa

Il trading online ha portato numerose persone a considerare la formazione finanziaria unicamente sotto un punto di vista multimediale

Se gli investimenti possono essere fatti online, si pensa, allora anche il percorso di formazione.

Di per sé non si tratta affatto di una concezione sbagliata: le basi e i livelli intermedi di trading possono essere sicuramente appresi tramite corsi o video-lezioni online, ma alla fine mancherà sempre un tassello.

Si tratta di uno dei grossi errori della cultura virtuale del nuovo millennio, quello di pensare che il nuovo supporto digitale non manchi di nulla e sia sufficiente a comunicare ogni tipo di informazione valida di cui si necessita.

Specialmente per quanto riguarda il trading online, questo errore può costare caro. Ignorare quali siano i migliori libri sulla borsa, infatti, può portare ad ignorare una cospicua parte del processo formativo che risulta di vitale importanza per affrontare professionalmente gli investimenti.

Libri sulla borsa: perché sono importanti?

Da cosa dipende l’importanza dei libri sulla Borsa? Perché anche oggi la carta stampata (o digitale) gioca un ruolo fondamentale nella formazione personale?

La risposta non giace in argomentazioni romantiche o nostalgiche quanto, piuttosto, nella constatazione oggettiva che, per quanto in rapida espansione, il trading online resta comunque un settore giovane.

I suoi successi, pertanto, dipendono ancora fortemente da una classe di investitori che non si è formata esclusivamente in seno agli investimenti online ma che ha seguito percorsi di crescita personale e professionale “canonici”.

Tra questi, ovviamente, rientrano anche le scelte di auto-didattica. Tuttavia queste sono state pur sempre condotte, a loro tempo, sui libri.

E da qui se ne ricava una seconda, importantissima, domanda: perché sono importanti i libri?

Ebbene, la risposta la si può trovare spostando l’attenzione dall’oggetto all’autore. Chi scrive i libri sulla Borsa?

Stando alle statistiche sugli autori, la maggior parte di questi ha superato la soglia dei ’50 anni e alcuni di questi ne può vantare più di ’60.

Inoltre, valutando la media dei contenuti degli stessi libri ci si rende conto che gran parte di questi è costituito da esperienze personali dell’autore.

La trasmissione delle esperienze nei libri di trading

Normalmente un corso di trading ha l’obiettivo di portare a risultato in un numero di ore ben preciso. Per questo motivo le informazioni vengono condensate all’interno di una quantità ben precisa di minuti dagli autori, i quali sono consapevoli che i supporti multimediali permettono di riascoltare la lezione. In questo modo anche persone con tempi di apprendimento diversi potranno assimilare i contenuti del corso.

Tuttavia un aspetto fondamentale del trading online deriva dall’importanza delle esperienze degli investitori. Le nozioni di base, ovviamente, devono essere sempre date per scontate: se si vuole investire bisogna conoscerle.

Una volta appreso questo livello base di conoscenza indispensabile, tuttavia, sopraggiunge una variabile significativa capace di avvalorare maggiormente le attività di investimento: l’esperienza.

I libri di trading hanno il vantaggio principale di trasmettere questa esperienza nel migliore dei modi. Gli investitori che hanno accumulato maggiore esperienza nella vita sono portati dalle stesse leggi della vecchiaia a esperire sinteticamente il loro operato.

Proprio questa sintesi realizzata a posteriori rende i libri di trading dei documenti dal valore incommensurabile per un giovane investitore. In esse sono contenute variazioni degli schemi di investimento, considerazioni su come le condizioni variabili possano portare a nuove analisi e, in generale, quali possono essere le diverse modalità di reazione della mente umana alle situazioni di mercato.

Attraverso aneddoti, racconti diretti, metafore e battute i libri di trading, in apparenza un medium ormai in pieno decadimento, tornano a risultare strumenti di centrale importanza nel percorso di formazione di un investitore.

Del resto, la storia è maestra ma è il narratore il vero insegnante.