Panedigrano: D’Ippolito ci dica qualcosa sul destino glorioso del nostro ospedale

In Politica, Ultime notizie On
Panedigrano: insensato attuare il Piano Strutturale Comunale

Continua la querelle a distanza tra Nicolino Panedigrano e Giuseppe D’Ippolito

Dopo il comunicato di ieri da parte del deputato pentastellato, ecco di seguito la replica dell’avvocato Panedigrano:

Salvini sta infettando ai suoi alleati, se ne avessero bisogno, il virus della arroganza e della gratuita insolenza, che sono peraltro le uniche armi che restano a chi è a corto di validi argomenti.

Il nostro ospedale, dopo l’infausta soppressione dell’ASL di Lamezia che lo relegò nella ridotta dell’ASP di Catanzaro, ebbe la peggiore mazzata nel 2010 con il Decreto 18 del duo Scopelliti-Scaffidi che dall’oggi al domani e senza motivi lo degradò a ruolo di ospedale Spoke dei due Hub di Catanzaro: Mater Domini e Pugliese-Ciaccio.

Ne sono seguiti dieci anni circa di battaglie del Comitato Salviamo la Sanità del Lametino, del Tribunale del Malato e del Comitato Malati cronici, riempiti di grandi manifestazioni di massa e della raccolta di circa 25.000 firme sotto la petizione popolare che chiedeva di assegnare un ruolo ed una funzione regionale alla nostra validissima struttura ospedaliera.

Ora che una legge regionale ha posto le basi per chiedere ed ottenere che gli sia assegnata la funzione di Centro Traumatologico regionale (peraltro mancante in Calabria) il deputato D’Ippolito, rimasto su questi temi per molto tempo inane forse perché assorto nei suoi affari, è andato ad accodarsi al duo Nesci-Scaffidi (parlamentare 5 Stelle la prima, sempre quello del duo Scopelliti-Scaffidi il secondo), che continua a voler relegare il nostro ospedale al ruolo marginale e al destino di smantellamento già da tempo in atto.

Invece di speculare sui miei percorsi politici (lui che nel 2015 da candidato a Sindaco raccolse a malapena il 4% dei voti) ci dica allora qualcosa nel merito del destino glorioso e progressivo che il suo mentore Scaffidi ha ora programmato per il nostro nosocomio e provi a spiegarci perché lui, da deputato 5 Stelle, ha improvvisamente cambiato idea rispetto ai bellicosi proclami che mandò alla stampa in occasione della manifestazione del 19 marzo 2016: “Non tagliamo il diritto alla salute. Il 19 marzo ci sarò, come calabrese e cittadino di Lamezia, parteciperò sabato 19 marzo alle 10 alla manifestazione di protesta civica davanti il nostro ospedale cittadino. Invito, altresì, ogni persona di buona volontà a partecipare. Non credo che occorra spendere molte parole per motivare questa scelta. La salute non può soggiacere a regole economiche e finanziarie, a valutazioni costi/benefici, non si può morire perché la tua salvezza dipende dal numero di chilometri che ti separano da un luogo di cura. Le strutture sanitarie costano? Occorre coprire le spese? Le risorse ci sono, basta volerle trovare: tagliamo i costi della politica, stipendi, indennità, vitalizi, non tagliamo il diritto alla salute!”. Memento caro Pino D’Ippolito, come dice Beppe Grillo, il web non dimentica!

Nicolino Panedigrano

Articoli Correlati

XVI Peperoncino Jazz Festival - LameziaTerme.it

Il peperoncino jazz festival diventa maggiorenne

Sì, avete letto bene: il festival, che consideriamo a tutti gli effetti il nostro “primo figlio”, è diventato maggiorenne!

Read More...
Impressioni Mobili, sabato l'inaugurazione di "Lamezia Experience 2"

Impressioni Mobili, sabato l’inaugurazione di “Lamezia Experience 2”

Sabato 20 luglio, Impressioni Mobili volge al termine con “Obiettivo piana”, la mostra fotografica curata da 35 Millimetri –

Read More...
Milena Liotta

Liotta (PD). Sostenere proposta Abramo su Agenda Urbana

Abramo in qualità di Presidente della Provincia si impegna a render agibile lo stadio Carlei e propone di rimodulare

Read More...

Mobile Sliding Menu