Pasquale Allegro presenta la silloge poetica Baco da sera

In Eventi&Cultura On
- Updated
Paquale Allegro

Presentata per la prima volta a Lamezia la silloge di poesie Baco da sera firmata dal critico letterario e scrittore Pasquale Allegro nell’ambito delle attività di Natale in Biblioteca, rassegna del Sistema Bibliotecario Lametino che si svolge presso il Chiostro Caffè Letterario

A conversare con l’autore Maria Chiara Caruso che, attraverso una serie di domande su singole poesie, è riuscita a mettere in evidenza   gli aspetti più significativi dell’opera Baco da sera, edita da Controluna Edizioni, con le relative tematiche ad essa connesse e il percorso artistico dell’autore che approda alla poesia dopo le esperienze nella prosa con “Una speranza che profuma di bergamotto” e “Collezioni di cielo”.

Innanzitutto Pasquale Allegro ha posto l’attenzione sul significato della poesia intesa come   un percorso di svelamento che mette a nudo l’anima segnando un ritorno all’infanzia in un susseguirsi di ricordi legati al padre, ad un film, al nonno che gli aveva dato l’input a raccoglere le varie citazioni abituandolo all’esercizio della scrittura e a tutto ciò che concerne la sfera di quel periodo della sua vita.

«Il bisogno di raccontare in pochi versi – ha affermato il poeta – nasce dal desiderio di ritornare alla presenza  di mio padre che non c’è più da otto anni e al passato. Da ragazzo ho scritto poesie per la Rock Band, di cui facevo parte, quindi è chiaro che io vengo dalla poesia e non dalla prosa. La poesia, naturalmente, necessita del supporto dell’ ispirazione ma anche dell’ esercizio. Io scrivo quando ne ho voglia e in momenti diversi della giornata e anche di notte quando intorno a me regna il silenzio».

Maria Chiara Caruso e Pasquale Allegro
Maria Chiara Caruso e Pasquale Allegro

Le poesie di Allegro si distinguono per la sensazione di  levità e serenità che infondono nel lettore essendo assente ogni traccia di angoscia o dramma o tristezza, rispecchiando la tendenza del poeta all’emotività e alla fuga da situazioni drammatiche che incidono profondamente sulla sua psiche nonostante la presenza di alcune note di malinconia, nostalgia e attesa che precede ogni sua aspettativa come ad esempio la pubblicazione del suo primo libro. La poesia di Pasquale Allegro è lontana da ostentazioni di stile, è  incisiva, è anelito alla bellezza, è intimistica anche se talvolta, trasversalmente, accoglie le istanze politiche e sociali del territorio lametino e le eccellenze poetiche come Franco Costabile al quale – secondo Allegro – è stata attribuita «l’etichetta di meridionalista mentre nei suoi versi fulminanti si coglie una forza simbolista».

Emblematici i versi del componimento “Un sorriso è caduto nel mare” in cui Pasquale Allegro delinea i tratti essenziali dell’altezza del poeta ambiasino:  «Il grigio sfilacciato del monumento/ percorre le pieghe delle cicatrici,/ a rimpiazzare versi e occhi del mattino / lo sguardo assente sugli uomini e le cose./ Sotto un cielo così scuro una finestra preziosa si posa/ in un posto sempre uguale».

Pasquale Allegro racconta anche luoghi mai visitati che immagina attraverso la lettura libri, tra cui quelli dei poeti francesi cosiddetti maledetti (Baudelaire) e quelli contemporanei, in quanto finora ha viaggiato poco: è stato a Milano, a Parigi, di cui è rimasto affascinato dai comignoli piuttosto che dalla Torre Eiffel come si evince dalla relativa poesia.

Nato a Lamezia Terme e laureato in filosofia con una tesi sulla scrittura di Elie Wiesel, Pasquale Allegro lavora nell’editoria, scrive recensioni di libri e si occupa di cultura per diversi giornali, riviste, blog. Alla prima edizione del Premio Letterario Dispatriati (2016), dedicato a opere il cui contenuto richiama i temi dell’emigrazione e dell’immigrazione, ha ricevuto il secondo premio per “ Poesie di un mare lontano” e il racconto” Sono tristi i pagliacci che ridono”. Ha pubblicato il romanzo Collezioni di cielo (2016), Premio Muricello come “opera di grande pregio poetico e introspettivo” e la raccolta poetica “Baco di sera” (2018)

Lina Latelli Nucifero

Articoli Correlati

Guardia di finanza

Castrovillari (CS). Usano permesso 104 per andare al festival di Sanremo, denunciati

CASTROVILLARI (COSENZA). Si assentavano dal lavoro fruendo di permessi e congedi retribuiti per assistenza a persone disabili ma in

Read More...

Navigator, l’elenco dei vincitori del concorso in provincia di Catanzaro

L'elenco dei vincitori del concorso per Navigator e le graduatorie sono disponibili a 4 giorni dalle prove: chi sono

Read More...
Asp Catanzaro: in atto provvedimenti per il reclutamento di personale

Asp Catanzaro: in atto provvedimenti per il reclutamento di personale

La direzione strategica dell’Asp di Catanzaro, nelle persone del Direttore Generale, dottoressa Amalia De Luca, e del Direttore Amministrativo,

Read More...

Mobile Sliding Menu