LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Piccioni: area mercatale alle spalle di Viale I Maggio in sovraffollamento

2 min read
lamezia area mercatale nicastro

Piccioni: ascoltare i disagi degli operatori

Comunicato Stampa

Alla luce di segnalazioni ricevute da alcuni operatori del mercato settimanale del mercoledì, stamattina mi sono recato personalmente sul posto per rendermi conto della situazione: sorprende la condizione di disorganizzazione ed evidente sovraffollamento nella disposizione delle bancarelle, in particolare nell’area alle spalle di Viale I Maggio.

L’amministrazione comunale ha infatti deciso, da qualche tempo, di  collocare nell’area alle spalle di Viale I Maggio non solo nuovi operatori ma anche quelli che prima erano dislocati nel tratto di strada tra la zona mercatale e Via Tommaso Fusco. La conseguenza è sotto gli occhi di tutti: sovraffollamento e assenza di distanziamento tra una bancarella e l’altra. E’ paradossale che questa scelta sia stata fatta proprio nella vigenza delle nuove norme anti-Covid, che come a tutti noto richiedono il rispetto del distanziamento. I disagi per gli operatori e i cittadini sono facilmente immaginabili.

Sappiamo che gli operatori hanno già segnalato la situazione all’amministrazione comunale senza ricevere fino ad oggi nessuna risposta. Ci è stato comunicato inoltre dagli ambulanti delle difficoltà che la stessa polizia municipale sta incontrando nella gestione della situazione.

Per questi motivi rivolgo un accorato appello all’amministrazione comunale perché, soprattutto in una fase come quella attuale in cui tanti operatori ambulanti ancora pagano le conseguenze dello stop dei mesi del lockdown, ci sia maggiore presenza e interlocuzione con gli operatori del mercato settimanale e si definisca insieme una riorganizzazione degli spazi che metta insieme il rispetto delle regole, la tutela dei tanti operatori ambulanti che da sempre rispettano le regole e la possibilità per tutti di esercitare nelle migliori condizioni possibili le proprie attività nel rispetto della normativa anti-Covid vigente.