LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Premio nazionale Astrea: riconoscimenti a uomini e donne di coraggio e gran competenza

3 min read
premio nazionale astrea 2020

Il Premio Nazionale Astrea, che prende il nome dalla dea della giustizia, vuole essere un inno alla legalità, per chi combatte quotidianamente affinché questi valori ottengano riconoscimento e rispetto concreto.

Intento del premio, spiegano in una nota gli organizzatori Piera Dastoli e Massimo Mercuri, è far conoscere chi ha combattuto il malaffare, chi lo combatte oggi e chi, per veder battuta la criminalità e riconosciuta la legalità, ha pagato con la propria vita.
Il prossimo 26 dicembre alle ore 22 in diretta televisiva nazionale sul canale 145 del digitale di Padre Pio TV e sul canale SKY 852in streaming e youtube, illustri personaggi italiani saranno protagonisti della manifestazione riconosciuta dal Ministero di Grazia e Giustizia.
Il Premio Nazionale Astrea è fondato sui valori della legalità e della lotta alle mafie e perciò, saranno anzitutto consegnati dei premi alla memoria per il magistrato Paolo Borsellino ucciso a Palermo il 19 luglio 1992 in quella che fu la “strage di via D’Amelio”, ad essere collegato da Milano sarà il fratello del giudice assassinato, Salvatore Borsellino.


Un premio alla memoria sarà consegnato in memoria di Filippo Ceravolo, giovane di Soriano Calabro ucciso per errore in un agguato di ‘ndrangheta il 25 ottobre 2012 sulla strada che conduce a Pizzoni in provincia di Vibo Valentia. A ricordarlo sarà proprio il papà Martino, collegato dalla sua abitazione di Soriano.
Un premio per il coraggio a Maria Antonietta Rositani, che a Reggio Calabria il 12 marzo del 2019 era stata data alle fiamme dall’ex marito che l’aveva ustionata gettandole benzina sull’auto dandole poi fuoco. Un riconoscimento alla forza e alla determinazione di questa donna che è un esempio per tante altre donne, per aver denunciato le violenze e le angherie di quello che prima era il suo compagno di vita.
Non mancheranno, tra i premiati, grossi personaggi del mondo dello spettacolo, sport e cultura.
Un premio per i sui 55 anni di carriera andrà allo showman Memo Remigi, cantante, autore, conduttore televisivo. Remigi, impegnato attualmente su la7 nel programma “Propaganda live”, sarà collegato dalla sua abitazione milanese.
Per lo sport il premio Astrea andrà al campione di ciclismo Claudio Chiappucci, alias  El Diablo. Diverse volte sul podio del giro d’Italia e tour de France.

A ricevere il premio nazionale Astrea sarà anche l’attore Peppino Mazzotta, uno dei protagonisti della serie di successo “Il commissario Montalbano” su Rai Uno. Mazzotta, nativo di Cosenza, riveste nella serie il ruolo dell’ispettore Fazio a fianco di Luca Zingaretti.

Per la scrittura il riconoscimento andrà a Massimo Benenato grazie al suo ultimo successo “Sotto le stelle di Roma” . Benenato è figlio del grande comico Franco Franchi (vero nome Francesco Benenato), che insieme a Ciccio Ingrassia, formò quella che fu denominata la “coppia d’oro del cinema italiano”. Un premio Astrea sarà dedicato alla loro memoria.
Premio anche a Pino Aprile. Giornalista meridionalista ha lavorato in Rai al settimanale di approfondimento del Tg1, TV7, e con Sergio Zavoli, nell’inchiesta a puntate “Viaggio nel Sud”, vicedirettore di “Oggi” e direttore di “Gente”.


Premio all’università telematica Pegaso, la più scelta dagli italiani. In collegamento ci sarà il presidente nazionale Danilo Iervolino e la responsabile della sede di Lamezia Terme Caterina Carbone.
Altro riconoscimento al giovane archeologo Davide Mastroianni originario di Lamezia Terme. Uno stimato e apprezzato professionista a livello nazionale e internazionale; studioso e ricercatore dalla lunga e corposa esperienza nel campo dell’archeologia, nonostante la sua giovane età.

La manifestazione – precisa il direttore artistico Mercuri – doveva tenersi in presenza proprio sotto il periodo natalizio, ma per la pandemia in corso e nel rispetto delle normative vigenti anti-Covid, si svolgerà via web, una modalità che è diventata molto usuale in questo tempo di emergenza pandemica.