LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Referendum Giustizia: 4mln di firme dimostrano l’intuizione di Matteo Salvini

2 min read

Il risultato della raccolta delle firme per i referendum sulla Giustizia ha comprovato di come gli italiani oramai hanno ben compreso di come il sistema giudiziario non funzioni e di come sia uno degli elementi fondamentali per il corretto funzionamento di uno Stato democratico

Comunicato Stampa

Le ultime vicende hanno dimostrato la esistenza di un sistema quasi “partitico” all’interno della magistratura che ha condizionato per oltre un ventennio la copertura dei posti più importanti e di come sia stata fatta politica da parte di un gruppo di soggetti che hanno ben pensato di condizionare fortemente e profondamente il regolare corso delle nomine.

Un prezzo pericolosissimo che ha quasi reso permeabile il giudizio di chi è stato nominato grazie ad interventi di corrente. I referendum serviranno, grazie all’intuizione dei radicali e di Matteo Salvini, a rompere questo strano ed anomalo monopolio che ha delegittimato i magistrati e che ha reso poco credibile l’intero sistema.

Dispiace che dinanzi a questa evidente e comprovata situazione nessuno ha assunto alcun provvedimento.

A ruoli invertiti, molto probabilmente, sarebbero scattate le manette per corruzione o altro. Invece, per i magistrati nulla di ciò. E’ uno Stato credibile? Certamente no.

Ora, però, bisogna stare attenti a chi gestirà i referendum e come questi verranno attuati. Il pericolo è che si faccia la fine dell’attuale legge sulla responsabilità che è come se non esistesse! Allora occhi aperti.

La Lega sarà vigile e non consentirà annacquamenti. Chi sbaglia deve pagare. Specialmente in Calabria ove si registrano provvedimenti eclatanti e che spesso vengono a limitare la libertà e la dignità delle persone.

E’ vero che la radicalizzazione del malaffare nella nostra regione ha punte altissime e, quindi, riuscire ad eliminare “l’erba impura” non è facile. Ma, forse se si comincia a far comprendere ad una piccola schiera di magistrati che bisogna lavorare per portare il risultato e non, certamente, per essere nelle prime pagine dei giornali, la situazione potrà migliorare.

Non è un compito facile, ma la Calabria merita un salto di qualità anche in tale direzione, con l’evidente necessità di una grande collaborazione tra le istituzioni e la consapevolezza che il malaffare deve essere colpito ed affondato, senza se e senza ma, con la partecipazione di tutti.

Click to Hide Advanced Floating Content