Reggio Calabria, CasaPound contesta la ZTL su Corso Garibaldi

In Calabria On
- Updated

I militanti della sezione reggina di Casapound esprimono il loro dissenso per il funzionamento della ZTL (Zona a Traffico Limitato) sul Corso Garibaldi, approvata con una Delibera di Giunta del Maggio scorso ed entrata in vigore nel Dicembre del 2016.
ZTL su Corso Garibaldi“Il Sindaco Falcomatà – spiega il responsabile, Federico Romeo – come di consuetudine, aveva annunciato con un post su Facebook l'”importante traguardo” raggiunto dalla sua Amministrazione promettendo ai suoi cittadini che non ci sarebbero state più soste selvagge e non ci sarebbero stati più slalom delle automobili tra i pedoni.
Quello che, però, risulta evidente è la parvenza di ZTL in vigore già da 14 anni su Corso Garibaldi. Su essa – prosegue – erano presenti anche dissuasori mobili che venivano azionati a distanza dalle forze dell’ordine per consentire il passaggio solo ai mezzi abilitati. Inoltre, sul corso erano presenti delle telecamere di videosorveglianza che, insieme al continuo passaggio dei Vigili Urbani, contribuivano a garantire il rispetto della legge”.
“Dunque – incalza – si tratta di ZTL che di fatto non solo non sono nulla di innovativo ma pare non stiano sortendo alcun effetto positivo. Infatti, i cittadini di Reggio Calabria in molte occasioni hanno espresso il proprio disappunto per il mancato rispetto delle regole e per la mancata irrogazione di sanzioni da parte delle Autorità preposte alla vigilanza di questo tratto”.
“Questa è la prova tangibile di come il Sindaco Falcomatà si accrediti meriti che non gli spettano. È un dato di fatto – prosegue Romeo – che la situazione con o senza la ZTL non sia cambiata e che gli slogan del primo cittadino non bastino a far rispettare la legge in città; difatti è necessario far rispettare le norme attraverso continui controlli e sanzioni, cosa che allo stato attuale delle cose non avviene”.
“Il nostro appello – spiega Romeo – è mirato non solo a sensibilizzare le autorità competenti e l’Amministrazione Comunale ma anche quei cittadini che continuano a sostare in un’area che da tempo è riservata ai pedoni. Questi atteggiamenti – conclude – non fanno altro che squalificare un’intera città rendendola impraticabile”.

Articoli Correlati

Crotone. Avviata demolizione di 20 villette abusive

Crotone. Avviata demolizione di 20 villette abusive

CROTONE. Sono state avviate, a cura di una ditta incaricata dal Comune di Crotone, le operazioni di demolizione delle

Read More...
Trame.8, Savattieri: Lamezia capitale della cultura contro le mafie

Trame.8, Savattieri: Lamezia capitale della cultura contro le mafie

Chiude con il nastro d'argento per la legalità il festival dei libri sulle mafie (altro…)

Read More...
Catanzaro, sabato l'apertura della sede di CasaPound

Catanzaro, sabato l’apertura della sede di CasaPound

CATANZARO. Avrà luogo il prossimo sabato 30 giugno alle 18 e 30 l'inaugurazione della sede di CasaPound Italia di

Read More...

Mobile Sliding Menu