LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Reggio Calabria. Donna picchiata, arrestati marito e figlio

2 min read
La sede della questura di Reggio Calabria

La sede della questura di Reggio Calabria

Il figlio minore ha tentato di aiutarla

REGGIO CALABRIA. Padre e figlio sono stati arrestati dalla polizia, a Reggio Calabria, per maltrattamenti in famiglia e minacce. Gli agenti delle volanti sono intervenuti dopo la telefonata di una donna che ha raccontato di essere fuggita da casa e di essersi nascosta dietro un’auto.

Giunti sul posto, hanno trovato la donna con vistose ecchimosi sul collo e sul volto che, piangendo, ha raccontato di essere stata picchiata dal marito e dal figlio, ultimo di una serie di analoghi episodi. La donna ha anche riferito che all’aggressione aveva assistito il figlio minorenne che aveva tentato invano di aiutarla, ma era stato spinto violentemente per terra dal padre riportando una lesione al gomito.

Il ragazzo era quindi scappato rifugiandosi a casa di una zia. Considerata la gravità dei fatti e la pericolosità degli autori, già noti alle forze dell’ordine, i 2 sono stati arrestati. Il gip ha convalidato l’arresto e disposto per i 2 l’allontanamento da casa e il divieto di avvicinamento e di contatto con la vittima.

Gli investigatori della polizia di Stato sono convinti di “essere riusciti ad evitare il peggio” per la donna aggredita dal marito e dal figlio
maggiorenne a Pellaro, quartiere della periferia sud di Reggio Calabria.

“Il protocollo del Dipartimento della pubblica sicurezza per l’emergenza epidemiologica del Covid-19 – dicono – ha, ancora una volta, dato i frutti sperati a protezione delle vittime della violenza di genere, soprattutto le donne, più esposte alle vessazioni a causa della convivenza forzata”.

Il marito della vittima ha poco meno di cinquant’anni, e seppure non coinvolto in ambienti mafiosi, ha precedenti per tentato omicidio, minacce, lesioni personali ed estorsione.

Mentre il figlio, appena ventenne, non ha alcun pregiudizio penale. “L’episodio – dicono gli investigatori – è, se possibile, ancora più grave perché maturato in un contesto familiare di non particolare bisogno economico, e l’esplosione di violenza contro la donna giunge al culmine di una serie di episodi precedenti non denunciati per tenere unita la famiglia. Tant’è che il padre ha persino colpito il secondo figlio, un ragazzo sedicenne, che aveva tentato di dissuaderlo dal colpire la madre, rimediando però una ferita al gomito sinistro”.

Il provvedimento cautelare è stato emesso dal gip Valerio Trovato su richiesta del sostituto procuratore Alessandro Moffa.