LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Rientri in Calabria: al 3 maggio oltre 7500 domande

2 min read

Nella giornata del 3 maggio sono pervenute complessivamente circa 7500 richieste di rilascio del pin per accedere al form online di prenotazione rientri

Tutte le richieste sono state elaborate dal sistema con successo ed, al momento, risultato compilate più di 4200 schede per il rientro in Calabria. Oltre 800 richieste di pin non sono state completate positivamente a causa di indirizzi email non corretti, mailbox piene e blocco antispam dei server di posta.

Coloro che non dovessero aver ricevuto il pin sono pregati di ripetere la procedura, effettuando una nuova richiesta di rilascio tramite il seguente link.

Si invitano i residenti in arrivo a sottoporsi al test con tampone rino-faringeo secondo le modalità di seguito elencate.

Per coloro che raggiungeranno la propria residenza con mezzo proprio saranno allestiti dei laboratori mobili in base alla provincia di residenza, secondo la seguente disposizione:

Provincia di Cosenza/Crotone:
Autostrada A2 – Autostrada A2 – Area di Servizio Frascineto Ovest
S.S. 106 – Svincolo di Rocca Imperiale
S.S. 18 – Tortora, Stazione di servizio Agip

Provincia di Catanzaro/Vibo Valentia:
Autostrada A2 – Area di Servizio Lamezia Ovest

Provincia di Reggio Calabria:
Autostrada A2 – Area di Servizio Rosarno Ovest

Per coloro che raggiungeranno la propria residenza attraverso l’utilizzo del treno, saranno allestiti dei laboratori mobili nelle seguenti stazioni ferroviarie:

Scalea, Paola, Lamezia Terme, Vibo Pizzo, Rosarno, Gioia Tauro, Villa San Giovanni, Reggio Calabria.

Per coloro che raggiungeranno la propria residenza attraverso l’utilizzo del mezzo aereo, sarà allestito un laboratorio mobile presso gli arrivi dell’aeroporto di Lamezia terme.

Si precisa che, coloro che si sottoporranno al test, a seguito di comunicazione dell’esito negativo e valutazione da parte dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASP di appartenenza, potranno interrompere l’isolamento domiciliare previsto dal punto 3 dell’Ordinanza del Presidente delle Regione Calabria n. 38 del 30 Aprile 2020.