Riscossa Studentesca: studenti in classe con cappotti

In Politica On
- Updated

Oggi 9 gennaio, al rientro a scuola dalle vacanze natalizie, gli studenti sono stati costretti a rimanere in classe con cappotti, sciarpe e cappelli a causa delle basse temperature nelle scuole.

gelo cappottiUna scuola che dovrebbe garantire un minimo di diciotto gradi all’interno, una scuola che dovrebbe essere la seconda casa di tutti i ragazzi… E invece no. Termosifoni spenti o accesi solo dopo l’ingresso a scuola, dopo più di quindici giorni di chiusura.

Tutto ciò a causa del menefreghismo della provincia e del comune che si sono lavati le mani da questa grave situazione  che mette ancora una volta in discussione il diritto allo studio di ogni ragazzo.

Come si fa a considerare amministratori chi non prevede determinate situazioni e non mette al primo posto l’incolumità e la salute degli studenti, dei professori stessi e degli operatori scolastici tutti?

Il collettivo  Ri-scossa studentesca si fa nuovamente portavoce dei disagi degli studenti, molti dei quali domani non andranno a scuola, proprio per protestare e contestare questa situazione insostenibile nonché  per l’effettiva difficoltà  a svolgere le lezioni in queste condizioni.

Collettivo Ri-Scossa Studentesca

Articoli Correlati

Asd Vigor Lamezia 1919 cambia denominazione sociale

Asd Vigor Lamezia 1919 cambia denominazione sociale

La società comunica che gli organi federali hanno approvato la modifica della denominazione sociale da Asd Vigor Lamezia 1919

Read More...

Lamezia, il ministro per il Sud Barbara Lezzi non parteciperà all’incontro di Agenda Sud 34

“Purtroppo inderogabili impegni personali non mi consentono di essere presente a questo terzo appuntamento del viaggio che Agenda Sud

Read More...

Seminara, agguato di ‘ndrangheta: ucciso un pregiudicato e ferito un bambino

SEMINARA. Un pregiudicato, Giuseppe Fabio Gioffrè, di 39 anni, presunto esponente dell'omonima cosca di 'ndrangheta, é stato ucciso in

Read More...

Mobile Sliding Menu