L’iscrizione di Sant’Eufemia: traduzione della lastra marmorea di San Giovanni Battista

In Attualità On
- Updated
lastra marmorea di San Giovanni Battista

Su sollecitazione dei lettori, che ringrazio per l’interesse dimostrato, mi propongo di fare la traduzione testuale di un’epigrafe, che ha una sua storia, senza una precisa decodificazione, però, almeno fino ai giorni nostri.

Credo non sia stata mai fatta un’analisi linguistica al riguardo, ignorandone le ragioni, ascrivibili, peraltro, a tanti altri disattenti “omissis”, su cui lascio calare il sipario da solo: personalmente, ritengo che interrogarsi su una realtà cittadina significhi, senza tema di smentita, passare (soprattutto) attraverso la sua memoria.

D(EO) O(ptimo) M(aximo)

Sanctae Euphemiae caput, et aliorum Sanctor(um)

reliquiasque post expugnatum a Turcis Rhodum

in hoc Archisterium traslatae de mente fratris

Centorii Cagnoli Vercellensis, huiusque Baiulivatus

Prioris, ut decenti veneratione colantur, hic Frater

Ioannes Antonius Berzettus, eiusquae vices

gerens, et concivis, summa pietate locandas

curavit – anno Domini M D C VIII

Traduzione:

a Dio Ottimo e Massimo

(cioè a Dio che è la cosa più grande e buona che ci sia)

La testa di Sant’Eufemia e le reliquie di altri Santi, dopo l’espugnazione di Rodi da parte dei Turchi, trasportate verso quest’abbazia, su richiesta di frate Cagnolo Centorio, Vercellese, nonché Priore di questo Baiulato, qui (ovvero in questo luogo) frate Giovanni Antonio Berzetto, suo vicereggente, e concittadino, curò la loro collocazione con somma pietà cristiana, al fine di farle venerare con degna devozione cristiana nell’anno (di nostro) Signore 1608.

Interpretazione

La lapide fa riferimento alle ossa del cranio di Sant’Eufemia e di altri Santi (non menzionati), trasportate, per l’appunto, da Rodi, dopo l’espugnazione dell’isola da parte dei Turchi, e fatte custodire dal Priore Centorio, vercellese, e dal frate Giovanni Antonio Berzetto, suo vicereggente e concittadino, nel 1608 (trent’anni prima dello sconvolgente terremoto bruzio, di cui mi sono occupato in un precedente contributo per questa testata, attraverso la testimonianza del gesuita Kircher).

Prof. Francesco Polopoli

 

Articoli Correlati

polopoli-LameziaTermeit

La Casa del Libro Antico: a Nicastro i libri che consultò Tommaso Campanella

Un paese senza memoria risulta spaesato, ragion per cui va sempre più incoraggiato sulla sua identità storica per averne

Read More...
lametino maurizio costanzo show

Un lametino tra il pubblico del Maurizio Costanzo Show

Angelo Greco, coordinatore provinciale di Lega giovani Calabria, sarà ospite questa sera tra il pubblico del Maurizio Costanzo Show

Read More...

Costa calabra sud occidentale: registrate due scosse di terremoto

Scosse di terremoto al largo di Palmi (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu