Lunedì 13 Luglio 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Sapia e Granato (M5S): Mater Domini sia da subito centro Covid

2 min read
Movimento 5 stelle - Lameziatermeit
motori-lamezia

Sapia e Granato (M5S) l’emergenza va gestita dai commissari alla Sanità, “Mater Domini sia da subito centro Covid, urgente allestire ospedali dedicati e cambiare la cabina di regia

COMUNICATO STAMPA

«In Calabria l’emergenza coronavirus va gestita dai commissari del governo e non può essere scaricata, per incomprensibile rinuncia dei delegati Saverio Cotticelli e Maria Crocco, sui vertici dei dipartimenti regionali Tutela della salute e Protezione civile, immobili rispetto alle necessità e alle carenze nei singoli ospedali e nell’assistenza territoriale, dove spesso si naviga a vista e regna il caos, se leviamo il grande lavoro svolto dai sanitari dei tre hub calabresi e dalla commissaria dell’ospedale reggino, Iole Fantozzi».

Lo affermano, in una nota, i parlamentari M5S Francesco Sapia e Bianca Laura Granato, che precisano: «Il policlinico universitario di Catanzaro poteva già essere centro di riferimento per i pazienti Covid, avendo molti spazi idonei, mai utilizzati a causa delle consolidate abitudini dei soliti potentati accademici.

Nonostante le risapute criticità del Servizio sanitario regionale e i rischi di aumento progressivo dei contagi, lì al policlinico si sta perdendo tempo prezioso, anche con la recente trovata, di cui è complice il governo regionale, della tensostruttura per i casi di Covid, che è l’ennesima invenzione per lasciare le cose come stanno, imperdonabile in questa fase».

«Il commissario dell’Asp di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli – prosegue Sapia – mi ha garantito l’immediata riattivazione del Pronto soccorso di Corigliano, finora chiuso in questo momento di sbandamento e autarchia diffusi, determinato dalla mancanza di decisionismo e concretezza in larga parte della dirigenza e dalla latitanza di un bel pezzo della politica.

Credo che allo stato sia urgente e utile sostituire Cotticelli con Zuccatelli, che è dinamico e ha tutte le carte per gestire al meglio l’emergenza in atto».

«Anche i commissari delle Asp di Reggio Calabria e Catanzaro – concludono Sapia e Granato – non possono ancora ignorare che siamo come in guerra e non possono rinunciare alle loro responsabilità, peraltro con motivazioni squisitamente burocratiche.

I prossimi giorni saranno decisivi per la Calabria, per cui è fondamentale cambiare cabina di regia e intervenire con la massima solerzia allestendo ospedali Covid separati dalle altre strutture per pazienti ordinari».