Serrastretta. “Il sentiero che non ti aspetti”: trekking alla Faggeta

In Attualità, Ultime notizie On

SERRASTRETTA. Boschi di maestosi faggi secolari, aria pura e incontaminata, un bouquet di colori che varia dal giallo al marrone, fino al rossiccio. Sono solo alcuni degli elementi racchiusi nell’atmosfera magica e fiabesca della Faggeta di Monte Condrò di Serrastretta, ai piedi della Sila Piccola catanzarese.

“Faggeta. Il sentiero che non ti aspetti”, è l’iniziativa proposta dagli “Amici del trekking di Serrastretta” in programma per domenica 17 marzo, che invita i visitatori a conoscere in maniera più consapevole e responsabile questo splendido scenario naturalistico, nonché a meravigliarsi e a stupirsi ancora per quanto i nostri paesaggi, in attesa che la primavera ne diventi la protagonista, possono offrirci.

Attraverso un sentiero pensato fuori dai circuiti convenzionali, il percorso prevede un trekking ad anello di circa 7 km, su un fondo che varia dallo sterrato al roccioso.

A pochi chilometri dal centro abitato serrastrettese, natura, leggenda e tradizioni popolari si intrecciano da sempre in questo luogo: un’oasi incontaminata, tra il profumo dei faggi ed i colori dell’ambiente circostante, in cui ritrovare serenità e benessere.

Escursionismo, cammino lento e turismo outdoor in generale, negli ultimi anni si sono gradualmente trasformati da esperienze di nicchia a esperienze che trasmettono emozioni e suggestioni verso un pubblico sempre più vasto. Anche il fascino innegabile dei nostri territori sta iniziando a catturare l’attenzione del turista più sensibile, e nell’ottica del cammino a piedi e della scoperta degli itinerari e dei sentieri, può sicuramente iniziare a rappresentare concretamente una risorsa straordinaria da promuovere e valorizzare.

Appuntamento e raduno:

ore 9.30 al parcheggio antistante il palco all’interno della Faggeta di Monte Condrò, da dove avrà inizio il percorso.

Scheda Tecnica:
Lunghezza del Percorso: circa 7 Km ad anello.
Tipologia del sentiero: in parte sterrato ed in parte roccioso;
Difficoltà: E (escursionistico);
Dislivello: 200 metri circa in totale;
Tempi di percorrenza: 2 ore;
Pranzo al sacco in un’ area pic nic.
Acqua: all’inizio del percorso

Cosa portare:

abbigliamento comodo e secondo la stagione, coprendosi a strati; scarpe da trekking; pile o felpa; giacca a vento; zaino leggero; un cambio; acqua almeno 1 litro; bastoncini.

Info e prenotazioni esclusivamente secondo le seguenti modalità: Giuseppe Paletta 328 2282932 (anche scrivendo su whatsapp e messenger).

Articoli Correlati

M5S: “Arresto consigliere regionale Creazzo, parte male la consiliatura Santelli”

«I vecchi partiti riflettano con coscienza sul coinvolgimento nell'operazione antimafia Eyphemos degli esponenti del centrodestra Domenico Creazzo e Marco Siclari,

Read More...

Ordine dei giornalisti della Calabria: “Coronavirus, serietà e rigore nell’informazione”

Giuseppe Soluri, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Calabria, esorta la stampa regionale ad osservare il massimo rigore nel dare

Read More...

Piccioni: Abramo è stato nominato “tutore” di Lamezia?

Se non ci fosse da allarmarsi, perché stiamo parlando di questioni “vitali” per la nostra città, qualcuno potrebbe pensare

Read More...

Mobile Sliding Menu