LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Settimana linguistica

2 min read

Altro che settimana enigmistica, potremmo dire, plurilinguistica!


Settimana linguisticaIn nome di una matrice comune, quella classica, derivano, infatti, i linguaggi comunitari, pressoché simili nella forma, per ogni giorno del mese e per tutto l’anno.
Unica eccezione, l’area anglo-tedesca, dove la fonte primitiva è rintracciabile foneticamente  solo nell’ultimo costituente, o per mantenimento consonantico (day da dies), oppure per deterioramento gutturalizzato (tag, sempre da dies). Si sa, è un piglio di eccezionalità, ma senza cipiglio, perché il debito di riconoscenza che si mostra in queste aree per l’antico è impensabile dalle nostre parti.
Insomma, al di là di qualche nuance, viviamo giorno per giorno una settimana santa, perché divina.
Che fossimo figli delle stelle, lo cantavamo dall’Osservatorio di Margherita Hack, ma non tutti sanno di essere anche figli degli dei, nell’Olimpo del quotidiano! En plein, quindi!

Latino Italiano Francese Spagnolo Inglese Tedesco
Lunae dies

(il giorno della Luna)

lunedì lundi lunes Monday Montag
Martis dies

(il giorno di Marte)

martedì mardi martes Tuesday Dienstag
Mercurii dies

(il giorno di Mercurio)

mercoledì mercredi miércoles Wednesday Mittwoch
Iovis dies

(il giorno di Giove)

giovedì jeudi jeuves Thursday Donnerstag
Veneris dies

(il giorno di Venere)

venerdì vendredi viernes Friday Freitag
Saturni dies

(il giorno di Saturno)

sabato samedi sábato Saturday Samstag
Dominica dies

(il giorno del Signore)

domenica dimanche domingo Sunday Sonntag

Ora, ereditando un pizzico di italum acetum, invariato nei numeri della sequenza genica del nostro Dna (solo i miei sono impazziti, ma non fa nulla!), proviamo ad esorcizzare la fatica di tutti i nostri dì, immaginando che sia proprio un servo di Plauto, magari Tranione, a suggerirci qualche gag anti-stress:

  1. Il problema non è il lunedì in sé, ma il lunedì in me.
  2. Dai creatori di ‘Lunedì’, ecco ‘Martedì’, un avvincente sequel con lo stesso cast, solo più scazzato che mai.
  3. “In medio stat virtus” di certo non si applica al mercoledì.Oppure…

    Ci vuole grande forza per affrontare il m’Ercole dì!

  4. Stai sempre in mezzo, come il giovedì!
    (Dal film Fracchia la belva umana)
  5. Il venerdì è un apostrofo rosa tra le parole week e end.
  6. Il sabato ha qualcosa di divino.
    (La domenica qualcosa di divano).

Pertanto, a sintetizzare il tutto in un motto, h 24 per sette, Ride , si sapis (Marziale, Epigr. , 2, 41, 1: “Ridi, se sei saggio”). [ E Leopardi, Pensieri, 78: “Grande tra gli uomini e di gran terrore è la potenza del riso, contro il quale nessuno nella sua coscienza trova sé munito da ogni parte. Chi ha il coraggio di ridere, è padrone del mondo, poco altrimenti di chi è preparato a morire”].

Per la serie, e concludo:

Il sorriso. L’unico taglio che non si deve rimarginare

(Chi non ride mai, poi, non è una persona seria!)

Prof. Francesco Polopoli

Click to Hide Advanced Floating Content