LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Sirianni: il sindaco Abramo chiuda al traffico il ponte Morandi

2 min read
caterina sirianni

Leggo e rileggo la dichiarazione rilasciata ieri in una nota stampa dal Sindaco Sergio Abramo in merito alle intercettazioni avvenute sul ponte Morandi e mi domando: sogno o son desta?

Comunicato Stampa

Il ponte non è stato interdetto all’uso?

Ma dopo aver appurato (grazie alle intercettazioni telefoniche e ambientali), che è stata utilizzata una malta scadente per il ripristino “strutturale” di un ponte di così maestosa complessità a tutela principalmente della sicurezza, visto che è da considerarsi la “bretella” primaria, in termini di circolazione, per il transito al centro della città di Catanzaro, supportando un carico non indifferente di automezzi di ogni tipo e dopo aver ricevuto segnalazioni da parte di più cittadini sullo stato di degrado in cui versava il suddetto Ponte (lo afferma lo stesso sindaco Sergio Abramo, sempre nella stessa nota stampa), cos’è che non quadra ancora al Sindaco?

Il ponte è stato sottoposto a sequestro dalla Guardia di finanza, verranno effettuate verifiche tecniche, ma nel frattempo nessun provvedimento limitativo al traffico, cosa che il primo cittadino avrebbe dovuto e potuto assumersi la responsabilità di provvedere a decretare.

Unica certezza evidenziata dal sindaco Abramo è che l’Anas è intervenuta celermente. Ma che la ditta appaltatrice non si sia attenuta al capitolato d’appalto, poco importa.

Tanto siamo tutti di passaggio su questa terra, un ponte “non sicuro” in più o in meno, non fa che accelerare il percorso di vita a cui veniamo sottoposti. Con la differenza sostanziale che il progetto divino non può essere consequenziale all’inettitudine istituzionale ed amministrativa.

Motivo per cui sindaco Abramo, in qualità di primo cittadino, accantoni l’omertà per una volta, perché in questa situazione si rischia e di brutto.

Siamo stanchi di essere facile preda, perché non tutelati da chi di dovere, del malaffare e della corruzione, oppure si dimetta e faccia un favore all’intera collettività Catanzarese.

Caterina Sirianni
CatanzaroGeneROSA

Click to Hide Advanced Floating Content