LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Continua sit-in del Coordinamento a difesa della sanità lametina

2 min read
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

I giorni 15 e 16 maggio si è tenuto un presidio continuato, da parte del coordinamento 19 marzo, davanti l’ingresso dell’ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme.
Comunicato Stampa

Il sit-in, fondamentalmente di protesta nei confronti di una riorganizzazione sanitaria ed ospedaliera non condivisibile e non utile all’utente lametino e calabrese per i tanti motivi che ormai da mesi si sostengono, ha portato a constatare che non è affatto vero che la cittadinanza si è arresa ma, al contrario, è attenta e si interessa attivamente alla questione.
Veramente in tantissimi, tra giovani e più anziani, si sono fermati tanto per mostrare la solidarietà al coordinamento stesso quanto per segnalare altri e molti aspetti che, per quanto anche piccoli possano sembrare, se risolti migliorerebbero la vita quotidiana di tantissimi. Per molti, ci sembra proprio possa bastare la volontà di risolvere.
Al presidio hanno avuto modo di intervenire il Sindaco avv. Paolo Mascaro che si è mostrato, come sempre, sensibile e vicino alle tematiche portate avanti dal coordinamento, pronto, inoltre, a sostenere e presidiare futuri incontri con chi da tanto si cerca di raggiungere (Commissari Massimo Scura, Andrea Urbani e Ministro Beatrice Lorenzin, oltre al Presidente Mario Oliverio); il Consigliere regionale Mario Magno, il quale si è mostrato disponibile a portare in Consiglio una c.d. piattaforma rivendicativa che a breve il coordinamento si farà carico di stilare oltre a continuare a portare avanti una politica a difesa del nosocomio lametino, tesa all’apertura del centro protesi INAIL ed a verificare la veridicità della presenza di quei fondi (20 milioni) destinati all’ospedale; i Consiglieri comunali Domenico Gennaro Gianturco che ha ribadito la sua prontezza verso future azioni tese all’ottenimento di risposte e Giancarlo Nicotera che ha evidenziato le tante promesse fatte e mai mantenute oltre allo spreco anche economico che è possibile evitare.
È stato disponibile ad organizzare un incontro con una delegazione del coordinamento il Dirigente Generale Dott. Giuseppe Perri che verrà fissato a breve.
Il coordinamento ha tenuto poi a richiedere un maggiore accentramento nel settore pubblico dei servizi ed a non portare tante prestazioni ed utenti verso i privati (che non tutti possono permettersi ormai) e soprattutto ad invitare i tanti cittadini ed operatori a continuare a non rassegnarsi ma ad essere sempre attenti e pronti ad altre iniziative civili.
Ci si aspetta infine una presenza ed incisività maggiore anche dal mondo sindacale (peraltro assente) ed associazionistico.

Coordinamento sanità 19 Marzo

Click to Hide Advanced Floating Content