LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Soverato. Spaccio nei pressi del mercato, arrestati due pregiudicati

2 min read

I Carabinieri della Stazione di Satriano (CZ) hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un trentanovenne ed un quarantunenne entrambi residenti a Soverato

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella mattinata del 30 dicembre, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope predisposto dalla Compagnia di Soverato, i Carabinieri della Stazione di Satriano (CZ) hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un trentanovenne ed un quarantunenne entrambi residenti a Soverato.

Nella circostanza, nel corso di un mirato servizio di osservazione, controllo e pedinamento eseguito nei pressi del mercato rionale del Comune di Soverato, gli operanti hanno ricostruito l’intensa attività di spaccio posta in essere da due soggetti soveratesi già noti alle Forze dell’Ordine.

I due dissimulandosi tra gli avventori del mercato avevano allestito e gestito una proficua piazza di spaccio.

La perquisizione personale e domiciliare che ne seguiva dava esito positivo consentendo il rinvenimento ed il sequestro di oltre 40 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana contenuti all’interno di buste in plastica termosaldate, nonché materiale per il confezionamento e la pesatura delle dosi da cedere a terzi. Le perquisizioni permettevano inoltre di rinvenire e sequestrare la somma in contanti di euro 400 circa ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Per quanto sopra, R.A. 41enne ed M.C. 39enne sono stati tratti in arresto e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sottoposti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida tenutasi oggi. La prima Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro convalidava l’arresto senza applicare alcuna misura cautelare.

La suddetta sostanza stupefacenti è state sottoposte a sequestro e inviata presso il L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Vibo Valentia, per gli accertamenti qualitativi di rito.