LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Stefania, Christian e Nicolò: nella speranza che il sacrificio non sia stato vano

2 min read

LAMEZIA.

Nella zona di San Pietro Lametino la pioggia incessante fece tracimare i torrenti che scorrono nella piana generando una vera e propria alluvione che uccise la giovane donna e i due bimbi, provocando anche ingenti danni al territorio. Dopo un anno la comunità lametina ricorda la tragedia che ha distrutto una famiglia lasciando nel dolore e nella disperazione il giovane Angelo, marito di Stefania e papà dei due bimbi.

Per oggi pomeriggio, alle 15.30 in località Belle Canne di San Pietro Lametino, la parrocchia Immacolata della Medaglia Miracolosa di Gizzeria Lido e la parrocchia San Pietro Apostolo di Curinga, hanno organizzato un momento di preghiera in ricordo delle tre vittime dell’alluvione. Sarà celebrata anche una messa in memoria della giovane mamma e dei suoi due figlioletti; ad officiare il rito sarà don Antonio Stranges. Chi vorrà partecipare è invitato a portare un palloncino bianco da lanciare in cielo come segno di speranza. Si, perchè dopo una tale tragedia, rimane solo la speranza che fatti simili non accadano più. Stefania, Christian e Nicolò sono morti per l’incuria e la mancata sorveglianza del territorio. Torrenti e fiumiciattoli sono esondati perchè la pulitura degli alvei dei corsi d’acqua non viene mai fatta. Perciò, quando si verificano precipitazioni abbondanti, i letti dei fiumi sono già colmi di detriti e materiali di ogni genere che non riescono a contenere l’enorme massa d’acqua che arriva dalle precipitazioni e, di conseguenza, tracimano nei terreni circostanti. Quella maledetta sera del 4 ottobre 2018 Stefania e i suoi bimbi si sono trovati in mezzo alla furia di un temporale spaventoso e di un mare d’acqua che in pochi minuti ha spazzato via la loro vita. L’auspicio è che questo sacrificio immane non sia stato vano, che quello che è successo un anno fa sia da monito per i nostri governanti perchè la cura del territorio, la salvaguardia ambientale siano prioritarie nelle agende di qualsiasi amministrazione locale e nazionale. m.s.