LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

«‘U cani muzzica sempri ‘u strazzatu»

1 min read

«Il cane morde sempre il poveraccio», o fuor di metafora «la malasorte tocca sempre al più misero di tutti»

Guai, dolori ed affanni sembrano abbattersi esclusivamente su coloro che ne hanno avuto già in abbondanza: quello straccione (dal lat. «extractiare») ridotto in brandelli rende bene la stratificazione straziante della circostanza denunciata.

Insomma, il modo di dire sottolinea una cruda e pur triste realtà: quando si entra in una spirale negativa, questo è quanto se ne deduce, non se ne vien più fuori, per cui si aggiungono problemi a problemi.

Sul piano paremiologico gli fa coppia l’espressione «piove sul bagnato» di memoria letteraria: «piove sul bagnato: lagrime su sangue, sangue su lagrime», leggiamo nelle Prose pascoliane. In inglese una locuzione dal significato simile è «when it rains, it pours» («quando piove, diluvia»).

Tuttavia, per addolcire il nostro discorso, senza farlo precipitare nelle viscere del pessimismo più totale, faccio intervenire la sapienza lametin-popolare, che invita titanicamente a supportare il nostro spirito, tutte le volte in cui una piena è pronta a provarci, riprovandoci: «alla morti ‘un c’è riparu», della serie «patìri, sì, ma murìri no».

Prof. Francesco Polopoli