LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Ugl Trasporti: Oliverio penalizza l’aeroporto di Lamezia Terme

2 min read
aeroporto-LameziaTermeit

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta che l’Ugl Trasporti scrive al Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio

Di seguito la missiva:

Egregio Governatore Oliverio,

Come segreteria regionale e provinciale UGL TA, non possiamo fare a meno di censurare pubblicamente il suo operato verso la struttura aeroportuale penalizzata in infinite schegge di regressione.

Promesse lanciate al vento, subito disperse senza altro seguito salvo una traccia di amaro sconforto in tutti coloro che aspettavano un “risorgimento” del triangolo aeroportuale quale veicolo del modernismo e futurismo socio-economico.

Lei, egregio governatore, non ha alcun diritto a parlare di trasporto aereo, non avendo, ci scusi, le cognizioni tecniche per farlo, anche per quei suoi passati come mentore e firmatario degli accordi per l’Aviosuperficie di Scalea, (come dimostrano le foto) pista e complesso costruito nei pressi del fiume Lao, quindi soggetto ad erosioni (denuncia pubblica da parte degli ambientalisti) anche il fattore Sibari, propagandato come aeroporto progettato e da costruire, sia lo Scalea che il Sibari hanno non solo una pista (su un fiume e sull’erba) ma anche sigle di identificazione nel variegato mondo dell’aviazione civile, potrebbero essere considerati strutture particolari per un aviosuperficie gestita da gruppi privati locali e non dalla regione o dagli enti di stato.

Due invenzioni che hanno un costo, specialmente lo Scalea Aereo, fondi che potevano e dovevano essere traslati agli aeroporti esistenti (Crotone, Lamezia e Reggio) per la loro funzionalità e per le logiche di miglioramento.

Inoltre, visto quanto appreso degli enti d’informazione pubblica per i rapporti con i sindacati e considerando i suoi debiti con la giustizia in attesa di giudizio per abuso d’ufficio e corruzione, non può permettersi di arroccarsi il diritto a dichiarare che categoricamente esclude UGL da tutti i tavoli di trattativa, a che titolo?

Evidentemente le sfugge che noi siamo firmatari di CCNL come le altre sigle, non ha pesato le sue frasi e non ha capito che l’UGL non teme le sue prese di posizione, soprattutto considerando da che pulpito arrivano e da un esponente, di una parte politica, che ha portato alla Calabria solo guasti e danni.

Sappia che siamo noi dell’UGL a non volerci assolutamente sedere ai tavoli d’incontro dove sarà presente quale governatore. Noi continuiamo andare avanti per il futuro della Calabria, e poco ci riguarda e poco ci interessa del suo consenso. Invece mediti, piuttosto, sul suo futuro sia politico che sociale.

La Segreteria Regionale e Provinciale
UGL Trasporto Aereo Calabria
Gianfranco Turino –Giuseppe Di Cello

Click to Hide Advanced Floating Content