Un Defibrillatore come regalo. Da Trieste a Gaspare

In Attualità, Litweb On

Siamo nella Casa di riposo Bosco Sant’Antonio, struttura comunale gestita dalla cooperativa Cepros e Primavera, che ospita anziani assistiti da personale specializzato.

Defibrillatore Come Stampa alternativa impropria io vengo invitata dalla cerimoniera del Lions Club Di Lamezia, Avvocato Anna Moricca, per assistere al dono di un defibrillatore che il Lions fa alla Casa di Riposo quale attenzione del Club alle realtà del territorio. Sono presenti il presidente del comparto Silvio Serrao, la responsabile del Service, Ippolita Lo Russo, il Sindaco e tutta la stampa vera che vi farà articolo circostanziato.
Io vi porgo i miei appunti dal titolo ” Da Trieste a Gaspare”
La Casa di riposo si trova nel cuore storico, accanto al Convento di Sant’Antonio, protettore della città, e su una collinetta che ai più sembra Fiesole.
Non ero mai stata a visitare questo luogo e ringrazio Anna dell’invito, ho trascorso un piacevolissimo pomeriggio fra storia e vicinato, chiacchierando con gli ospiti.

La signora Trieste ha compiuto 100 anni a Novembre ed il suo papà era militare a Trieste durante la guerra nel 1916, è originaria di Carlopoli, e da casa sua vedeva i monti della Sila.
Trieste, deliziosa, mi racconta che è infastidita dalle tante domande che le fanno, e mentre mi parla del suo papà in guerra, a Trieste, nel 1916, mi sembra di vedere la sua mamma star per partorire e decidere col marito di chiamare la bambina Trieste come la città dove lui in quel momento rischiava ogni giorno la sua vita.
Gaspare ha 87 anni. Alla mia domanda su come si chiami lui mi dice che ha il nome con cui i suoi genitori lo hanno sempre chiamato e mi porge l’indovinello dei tre magi. Mi chiamo come uno dei re magi…

Da Trieste a Gaspare aggiungo il nome di una splendida assistente, Jessica, ed il nome non può che ricordarmi come la televisione abbia sostituito nell’immaginario collettivo i nostri nomi Trieste, Gaspare e Ippolita. Un secolo si può raccontare anche così con i nostri nomi che cambiano, dando identità del tempo che attraversiamo.
Storia fatta di piccole gesti, di particolari e di ricorrenze, ora sta parlando Ippolita, mia omonima, nel porgere in dono un defibrillatore affinché i cuori battano con regolarità al passaggio della Storia universale nel nostro cuore individuale.

Ippolita Luzzo

Articoli Correlati

Legambiente, in Calabri abbattuti il 6% degli edifici abusivi

CATANZARO- Solo il 6% delle ordinanze di demolizione di manufatti abusivi disposte a livello nazionale in Calabria viene eseguita.

Read More...

Cosenza, il Comune conia i ‘bruzi’, i gettoni di 20 euro per i bisognosi

COSENZA. Non più buoni spesa, ma "gettoni", cioè monete in metallo del valore di 20 euro ciascuna, denominate "Bruzi".

Read More...

Il vescovo di Cassano parla ai giovani e cita Jovanotti e Sfera Ebbasta

CASSANO ALLO JONIO. Ha scelto di citare due cantanti il vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino, nel

Read More...

Mobile Sliding Menu