venezia.74, pt.6: UNA FAMIGLIA

In Strade Perdute On

Maria (nomen omen) è sposata con Vincenzo: legati da una grande passione, sono anche legati da un oscuro segreto, perché Vincenzo costringe Maria a rimanere incinta per vendere i propri figli. Ma qualcosa un giorno s’inceppa: Maria non vuole più, cerca in tutti i bambini che vede fuori i suoi figli persi, utilizza di nascosto dal marito mezzi anticoncezionali, ma una coppia di acquirenti “delusa” li raggiungerà e darà il via ad un escalation di dolore e rovina.
Riso aveva già collaborato con la bella e brava Micaela nel suo film d’esordio, Più Buio Di Mezzanotte, dove lei era la mamma di un ragazzo transgender (tratto da una storia dolorosamente vera); torna a farlo con questo Una Famiglia, continuando a parlare di storie vere e continuando a trattare il tema, poco visitato dal cinema italiano, del mercato nero delle adozioni.
Qualche giorno fa mettevamo in dubbio che la violenza (esibita, gratuita, parossistica e metaforica) di Brawl in Cell Block 99 potesse essere la più sconvolgente di questa Mostra: e con il film di Riso abbiamo la conferma.
La storia di Maria tocca con delicatezza un tema così forte con sequenze di brutalità così oscena da risultare, a tratti, insostenibili: sono i dettagli a spaventare nella storia di Riso, i primissimi piani sulle unghie martoriate della protagonista, i suoi occhi tracimanti d’angoscia, lo sguardo basso e inespressivo di un padre padrone che rinnega non tanto la sua paternità quanto l’emotività che questo comporta. È insomma tutta quell’umanità dolente e dolorosa al centro di un mercato tanto sordido quanto purtroppo reale: ancora più agghiacciante se si pensa a tutto quello che lo ha creato. Una legislazione bislacca, parametri etici ed economici sbagliati, insomma un Paese alla deriva che nega la genitorialità nella maniera più atroce e crea invece i presupposti per crimini tanto aberranti quanto inestinguibili.
Riso ha il dono della “regia invisibile” (tranne qualche mdp a spalla di troppo), non insegue i personaggi e non li coccola: li ingabbia invece in quadri soffocanti illuminati da una luce fredda e grigia, e la bravura degli attori fa il resto. Ma soprattutto ha il coraggio di parlare a voce alta, da un palcoscenico privilegiato come quello del Lido, di problemi irrisolti e nascosti, mostrando immagini che ognuno decide coscientemente di non vedere.
Una Famiglia non specifica di quale “famiglia” parli il titolo: se quella della coppia al centro della storia, che vende i propri figli per denaro, o quella degli attori omosessuali che alla fine il figlio non lo “comprano” perché è malato di cuore, o quello dei quarantenni che spendono milioni di euro per aggirare la legge, o ancora quella composta, sul finale, dalla sola Maria che raccoglie il figlio dalla spazzatura dove il compagno l’aveva gettato e decide di riappropriarsi della sua vita e del suo diritto di essere madre.
Straordinario, pur se solo in poche battute, Ennio Fantastichini, gay con l’insopprimibile voglia di un figlio: “Non posso prendere questo bambino morente: alla mia età, da un dolore così non mi riprenderei mai più”.

 

GianLorenzo Franzì

Articoli Correlati

La copertina di “Kim Ree Heena” al 4° posto tra le più votate del 2018

La copertina di “Kim Ree Heena”, selezionata da Best Art Vinyl Italia tra le 50 più belle della discografia

Read More...

Lamezia, il sottosegretario Durigon ospite di Lega Calabria

Ospiti eccellenti presenti in Accademia per la presentazione dei candidati calabresi alle prossime tornate elettorali per l’elezione dei rappresentanti

Read More...
Torneo Internazionale città di Lamezia Terme/4° Memorial Pasquale Gallo

4 Memorial Pasquale Gallo campo 2

https://youtu.be/9G4jlxmVztA

Read More...

Mobile Sliding Menu