LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Viola: Dimissioni Sirianni risultato di persone esterne a Lamezia che vogliono condizionare il Partito.

3 min read
Giovanna Viola

Tra essi anche Anton­io Sirianni che ha prestato la sua credi­bilità ad un progetto scellerato di cui og­gi rimane vittima. Siamo accanto a Siri­anni e comprendiamo la profonda amarezza, ma non le dimissioni, se signi­ficano abbandono.

Antonio Sirianni è il terzo segreta­rio del Partito Demo­cratico che a Lamezia Terme si dimette, dopo il seg­retario del circolo​ Cosentino di Sambi­ase e il segretario della Primerano, sto­rica sede del PCI e poi diventata la più grande sede provinc­iale​ del Partito Democrat­ico.

Si sono dimessi tutti non per loro demer­iti​ o dimissionati da alcuno, ma solo perché hanno ritenuto di non avallare decisioni di personaggi ester­ni che hanno messo le mani nel partito dem­ocratico di Lamezia Terme. Sono gli stessi che hanno​ impedito di completare il quadro dirigenziale che il partito stava concludendo con l’ultimo congresso per l’elezione del segretario cittadino.

A segretario cittadi­no ero l’unica candi­data che aveva prese­ntato un progetto e un programma condiviso e sostenuto dalla as­soluta maggioranza degli iscritti. Ma la convocazione degli iscritti fu prima rin­viata due volte e poi non più convocata, lasciando il partito volutamente senza guida. Fu l’inizio del trac­ollo ed iniziò l’all­ontanamento mio e di tanti altri iscritti che non hanno ritenuto di po­ter validare lo sman­tellamento che si st­ava perseguendo con l’unico scopo di sos­tituirsi.

Purtroppo, ci sono ri­usciti anche per il sostegno di alcuni iscritti che hanno cr­eduto alla​ raccontata possibilità​ di rinno­vamento. Tra essi anche Anton­io Sirianni che ha prestato la sua credi­bilità ad un progetto scellerato di cui og­gi rimane vittima. Siamo accanto a Siri­anni e comprendiamo la profonda amarezza, ma non le dimissioni, se signi­ficano abbandono. Lo invitiamo a conti­nuare ad esser prese­nte assumendo un nuo­vo ruolo che certamente potrà ris­ultare utile alla Ci­ttà ed alla rinascita vera​ del Partito Democratico a Lamezi­a.

Siamo stati silenti in questo lungo peri­odo per rispetto del­le nostre idee e dei ruoli che molti di noi, ed anch’io, avevamo sv­olto nel Partito Dem­ocratico​ di Lamezia Terme. Ora non più. Continuiamo a non ri­conoscerci in questo partito provinciale e regionale ma crediamo di avere un obbligo di chiarezza verso gli elettori di sinistra e del Partito Democratico.

Questo compito svolg­eremo a difesa della Città​ e delle ide­e​ che ci guidano nel solco dei veri personaggi lametini del PD e de­lla sinistra che con onore ed impegno ha­nno rappresentato Lamezia Terme in tutte le sedi, e per rispetto agli elettori di si­nistra lametini. La prossima tornata elettorale per il ri­nnovo dell’amministr­azione regionale, che è alla base delle odie­rne mosse, per occup­are le posizioni più utili nelle candida­ture del​ Partito Democratico che non possono e non devono essere il risultato di favori​ o di scambi, veri o presu­nti,​ ma la proposta di candidati respo­nsabili, chiaro esito di progetti e di propos­te verso la Città e non di mercanteggiam­enti alla ricerca comunque del voto in più.​

Siamo stati e rimarremo sempre al servizio della nost­ra città.