Violenza razzista a Falerna, parlano gli aggrediti Carlos e Daniela

In Cronaca, Ultime notizie On
- Updated

LAMEZIA. Stravolti, scioccati, ancora increduli per quello che hanno vissuto, per il rischio che hanno corso. Carlos e Daniela, due delle tre vittime dell’aggressione di Ferragosto a Falerna, hanno incontrato alcuni giornalisti nei corridoi dell’ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia.

Nel reparto di ortopedia del nosocomio è ricoverata la signora Anna Maria, mamma di Daniela che, per l’aggresione del 15 agosto, ha riportato la frattura dell’omero ed ha subito un complesso intervento chirurgico. Carlos e Daniela vivono a Milano da diversi anni e sono in attesa del loro primo figlio; ladonna è infatti al quinto mese di gestazione. “Vivo in Italia da più di 12 anni ma non mi è mai successo di subire un attacco razzista – racconta Carlos – In Italia vive anche la mia famiglia che si è perfettamente integrata e che non ha mai subito discriminazioni. E’ davvero triste che tutto questo sia successo in Calabria che è la terra d’origine della mamma di mio figlio”.

Il giovane dominicano fa un’ultima considerazione accorata: “Sono, siamo vivi per miracolo!”. Daniela, nativa di Lamezia, non trova le parole per descrivere i sentimenti che prova: le lacrime le inondano gli occhi e le rigano il volto. “Adesso sono veramente sconvolta, purtroppo questa è una terra bellissima ma maledetta. In questo teritorio siamo arrivati ad un livello troppo basso, impensabile. Non lo avrei mai creduto”. Sulle condizioni della mamma, la donna ha affermato: “La rottura dell’omero è stata devastante, il suo braccio non sarà più quello di prima. I postumi post-operatori saranno lunghi. Siamo davvero nelle mani di Dio”.

Carlos e Daniela ringraziano la polizia di Stato che è intervenuta prontamente e che sta conducendo le indagini a ritmo serrato, tanto che dal commissariato di via Perugini è anche arrivata una nota stampa in cui è stata annunciata l’individuazione di tre degli aggressori. Le indagini proseguono senza sosta per identificare tutti i componenti del ‘commando’ che ha aggredito verbalmente e materialmente i tre malcapitati che hanno letteralmente rischiato la vita. Carlos ha riportato traumi e contusioni diffuse su tutto il corpo, Daniela sta provando a riprendersi da uno choc terribile e sta provando con tutte le sue forze a preservare da ogni eventuale pericolo il bambino che porta in grembo. 

 

 

Redazione

Articoli Correlati

festa della liberazione

Collettiva Tonne libere: è 25 aprile tutti i giorni!

11 aprile 1944 Ai miei cari figli, quando voi potrete forse leggere questo doloroso foglio, miei cari e amati figli,

Read More...
Tragedia del Raganello, il dolore di Oliverio

Il presidente Oliverio celebra il 25 aprile a Tarsia

Questa mattina il presidente della Regione Mario Oliverio parteciperà a Tarsia, all’ex Campo di internamento di Ferramonti, alla ricorrenza

Read More...
Catanzaro. Incidente stradale a Santa Maria, due feriti

Catanzaro. Incidente stradale a Santa Maria, due feriti

Di due persone ferite è il bilancio dell'incidente stradale avvenuto poco prima delle 10.00 di questa mattina nel centro

Read More...

Mobile Sliding Menu