LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

S. Antonio in visita alle case di riposo “Tamburelli” e “Bosco S. Antonio”

2 min read
casa di riposo S. Antonio

Pomeriggio di preghiera e di festa per gli ospiti delle case di riposo “Tamburelli” e “Bosco S. Antonio”

Come ogni anno, l’ultimo sabato di luglio, S. Antonio di Padova ha fatto visita agli ospiti delle due case, accompagnato dal ministro provinciale dei Cappuccini di Calabria fr. Pietro Ammendola, dai frati cappuccini del Convento di S. Antonio e dagli statuari che ogni anno il 14 giugno portano la statua del Taumaturgo per le vie della città.

Alla casa di riposo “Tamburelli”, l’immagine del santo di Padova è stata accolta dal direttore della casa Antonello Coclite e dai volontari della cooperativa francescana “Venerabile Padre Gesualdo”, che hanno per l’occasione coinvolto tutto il personale, i familiari  e gli amici degli ospiti della struttura, ricreando un clima di semplicità e di gioia francescana, per un momento di fede e di preghiera che ormai si rinnova da dieci anni.

casa di riposo S. AntonioA presiedere la celebrazione eucaristica, padre Francesco Neri, consigliere generale dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, in visita in questi giorni alla provincia dei Cappuccini di Calabria.

“E’ ormai una tradizione che si rinnova da dieci anni. Nel nome di S. Antonio, oggi è giorno di ringraziamento verso i frati e i tanti amici che come una grande famiglia, in ambiti diversi, ogni giorno sono vicini agli ospiti di questa casa, per aiutarci ad essere sempre pronti a rispondere ai loro bisogni”, ha detto il direttore Antonello Coclite, rivolgendo un pensiero particolare ai “nonni” che sono tornati alla Casa del Padre nell’ultimo anno.

Tanta commozione tra gli ospiti della casa e i loro familiari, che hanno avuto la possibilità di essere vicini all’immagine di S. Antonio e affidare alla sua intercessione le loro attese e le loro speranze.

Prima di rientrare in Chiesa, il Santo ha fatto visita agli ospiti della casa di riposo comunale “Bosco S. Antonio”, dove insieme si è vissuto un altro momento di preghiera e di comunione fraterna, raccomando a S. Antonio quanti vivono in situazioni di sofferenza e solitudine.

Cooperativa francescana “Ven. P. Gesualdo”