Vittorio Sgarbi a Lamezia per presentare il suo ultimo libro

In Eventi&Cultura On
Vittorio Sgarbi a Lamezia per presentare il suo ultimo libro

Domani, venerdì 10 agosto, alle ore 21.00, presso lo Swimming Club Piscine la Marinella di Lamezia Terme, Vittorio Sgarbi terrà una lectio illustrata in occasione della presentazione del suo nuovo libro “Dal mito alla favola bella, da Canova a Boldini. Il tesoro d’Italia V.”, edito da “La Nave di Teseo”.

“Dal mito alla favola bella, da Canova a Boldini” è parte di un più ampio progetto (cinque volumi) che Sgarbi dedica alla storia dell’arte italiana e alla sua divulgazione.

Un viaggio cronologico e geografico che, in quest’opera, comincia da Venezia e dai suoi più celebri artisti settecenteschi (Tiepolo, Canaletto e l’adottivo Canova), per arrivare alla Belle Époque di Giovanni Boldini e Gabriele D’Annunzio, evocato nel titolo.

“Dal mito alla favola bella” continua infatti il percorso di Vittorio Sgarbi per comporre una storia e geografia dell’arte in Italia.

In un itinerario che, da Venezia, ci porta a Roma, a Napoli, risale in Toscana e in Emilia in un arco temporale che dalla seconda metà del Settecento ci conduce ai primi decenni del Novecento, approdiamo, infine, a Milano, alla soglia delle avanguardie e in un momento in cui l’Italia sembra recuperare, con Boldini e la Belle Époque, “la favola bella”, appunto, una nuova e diversa centralità.

Vittorio Sgarbi disegna un rigoroso itinerario cronologico, ma prestando estrema attenzione a non tralasciare gli umori regionali, illustrando artisti noti e invitandoci, come sempre, a scoprirne altri meno noti ma non meno grandi. Bellotto, Piranesi, Hayez, la Scapigliatura, Stern, Signorini, De Nittis, Segantini, Pelizza da Volpedo, Morbelli, Klimt, Baccarini, Morbelli, Previati, per ricordare solo alcuni dei cinquanta autori illustrati in questo volume: una galleria di meraviglie e sorprese che invitano il lettore a un suo inevitabile personalissimo viaggio.

Alla continua ricerca, come spiega l’autore, di quella centralità artistica in grado di cogliere lo spirito del tempo e restituire all’Italia il ruolo di assoluta protagonista del panorama internazionale.

Il libro è dunque un utile strumento per conoscere autori noti e meno noti e apprezzare, una volta in più, lo straordinario patrimonio artistico italiano attraverso le lenti di un grande esperto.

L’evento, aperto a tutti, sarà introdotto da Mario Caligiuri, docente dell’Università della Calabria, che ci preparerà ad accogliere dalla viva voce del critico, il suo quinto capitolo della storia dell’arte italiana.

Articoli Correlati

Lamezia. Atti vandalici in due parch

Lamezia. Atti vandalici in due parchi

Episodi a distanza di pochi giorni uno dall'altro (altro…)

Read More...
Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

I primi anni '90 sono stati particolarmente segnati da sanguinosi fatti di mafia: e ricordiamo soprattutto quelli dopo la

Read More...
Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Si è conclusa con una medaglia di bronzo la partecipazione di Simona Villella e della squadra italiana junior ai

Read More...

Mobile Sliding Menu