LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



X festival della Dottrina sociale, Schillaci: ciascuno nel suo piccolo può fare la sua parte

3 min read
X festival della Dottrina sociale, Schillaci: ciascuno nel suo piccolo può fare la sua parte

“Abbiamo bisogno di portare legalita’ e piantare questo albero di melograno significa impegno per costruire un futuro migliore per la nostra citta’, per la nostra regione, per la nostra nazione”

Questo, il messaggio che il vescovo della Diocesi di Lamezia Terme, monsignor Giuseppe Schillaci, ha inviato stamani dal piazzale antistante il complesso interparrocchiale San Benedetto, nel corso dell’avvio del X festival della Dottrina sociale, svoltosi in contemporanea in 28 diocesi italiane ed a Lugano, in Svizzera.

“Ciascuno nel suo piccolo – ha aggiunto il vescovo – può fare la sua parte e noi, per quello che possiamo, la faremo perché ne dobbiamo uscire migliori e, come diceva don Bosco, onesti cittadini e buoni cristiani”.

L’iniziativa, che si e’ svolta in diretta streaming sul sito del festival, cosi’ come avvenuto nelle altre diocesi, ha previsto la piantumazione di un albero di melograno, perche’ “piantare – ha evidenziato Schillaci – e’ un segno di speranza. Noi, pero’, non possiamo immaginare il futuro se non conosciamo da dove veniamo, chi siamo. Essere figli e fratelli nello stesso tempo: e’ proprio in questa prospettiva che vogliamo mettere questo segno ed abbiamo bisogno di svolgere bene il nostro lavoro”.

Parole, quelle del Vescovo, cui erano precedute le dichiarazioni del direttore della Caritas e presidente della Fondazione Caritas diocesane, don Fabio Stanizzo, coordinatore dell’iniziativa, che ha voluto ricordare don Adriano Vincenzi “che aveva un sogno, che oggi si sta concretizzando, e che ci spronava ad essere lievito per la societa’. Noi – ha aggiunto – con il nostro impegno abbiamo cercato di realizzarlo. Il melograno che piantiamo oggi vuole rappresentare anche la diversita’ come ricchezza, il mettere radici in questi luoghi dove sorgeranno luoghi di carita’ e che diventera’ un segno per i tanti fratelli che si faranno prossimi e dove possiamo concretizzare l’attenzione al prossimo, a coloro che avranno bisogni materiali e immateriali. Un luogo dove tutti saremmo Fratelli”.

Della necessita’ di “sostituire l’io al noi”, invece, ha parlato il procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio, che ha evidenziato che “l’individualismo deve essere sostituito dalla solidarieta’ e dalla comunita’”, sollecitando a non demandare la soluzione dei problemi solo all’attivita’ giudiziaria. Presente anche il sindaco, Paolo Mascaro, che, nel ribadire l’importanza di “vincere la sfida che ci viene posta sulla legalita’ praticandola come comunita’”, ha sottolineato l’importanza di “dare il buon esempio anche come Istituzioni. Oggi – ha aggiunto – vedo una citta’ difficile che ha tante difficolta’ che provengono da decenni di contrasti e noi dobbiamo vincere una grande sfida: evitare di dircelo solo tra di noi che l’illegalita’ e’ da perseguire; dobbiamo, invece, essere accanto a chi delinque e trascinarlo dalla parte della legalita’. Bisogna andare nei luoghi di sofferenza, di delinquenza e affrontare le persone con umanita’ per favorire un percorso di cambiamento”.

Infine, dopo un momento di preghiera e la benedizione della pianta di melograno, si e’ proceduto alla sua piantumazione, non perdendo di vista “l’importanza della legalita’ – come ha ribadito il Vescovo – nelle Istituzioni, sui luoghi di lavoro, nei nostri stili di vita”.

L’avvio della X edizione del Festival, inoltre, al quale era presente anche il presidente del Consiglio comunale di Lamezia Terme, Pino Zaffina, ha rappresentato anche l’occasione per una breve visita ai locali della Caritas, che sorgeranno nel complesso interparrocchiale ed i cui lavori sono gia’ iniziati, senza perdere di vista la necessita’ della riapertura del dormitorio, cosi’ come sollecitato da don Fabio al sindaco.

Click to Hide Advanced Floating Content