Politica

Barbanti: Lamezia, aumentare sistemi sicurezza in zone a rischio

L’onorevole Sebastiano Barbanti scrive al Questore di Catanzaro, Dott.ssa Amalia Di Ruocco e al Prefetto di Catanzaro, Dott.ssa Luisa Latella, chiedendo la disponibilità all’aumento di forze dell’ordine e sistemi di sicurezza in alcune zone della Città di Lamezia Terme.
zone a rischio LameziaL’attuale crisi di sicurezza che sta attraversando il Paese, rendendo ancor più vulnerabili realtà già fortemente deboli sul piano socio-economico, richiederebbe, pur tenendo conto delle limitate disponibilità di uomini e di mezzi, una sempre più rilevante presenza delle autorità preposte all’ordine pubblico nelle aree urba ne più problematiche.
In particolare, nella città di Lamezia Terme è noto che vi siano diversi quartieri, oggetto della cronaca recente sia sulla stampa che sulle emittenti nazionali, che vedono un enorme disagio sociale ed un crescente clima di tensione e di insicurezza a causa dell’aumento esponenziale di gesti prevaricatori e delinquenziali.
Alla luce di ciò, i quartieri di contrada Barbuto c.d. “Ciampa di Cavallo”, di Scordovillo, il parcheggio dell’Ospedale ed il quartiere di S. Pietro Lametino richiederebbero una maggiore presenza delle forze dell’ordine a tutela e protezione delle comunità costrette a subire qualsivoglia sopruso.
Chiedo pertanto alle S.V. Ill.me di voler tenere in maggiore considerazione le zone menzionate, aumentando, ove fosse possibile, tutte le misure utili per arginare il clima di tensione e ripristi nare la sicurezza e la legalità, e nel qual caso non fossero già previste, anche di aumentare la presenza di controlli da remoto che possano aumentare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini e servire da deterrente per i criminali.

Sebastiano Barbanti

Pubblicità

Pubblicità