Politica

Catanzaro, Mungo plaude alla lotta al micro traffico di stupefacenti nelle scuole

Mungo: “Sostengo un modello di città che sia capace di offrire ai giovani una prospettiva diversa e più divertente”

Testo della dichiarazione dell’assessore alle politiche giovanili, Giampaolo Mungo:

Giampaolo Mungo
Giampaolo Mungo

“Ho appreso con estremo piacere dell’attenzione che le forze dell’ordine stanno riservando alla lotta al micro traffico di stupefacenti nelle scuole. Sono convinto che il solo impegno delle forze dell’ordine, seppur instancabile e fondamentale, non sia sufficiente a combattere totalmente questo nemico, ma sono altrettanto convinto che possa ridurlo.

Il mio pensiero sul tema è noto, non ho mai fatto mistero della mia contrarietà a ogni tipo di liberalizzazione delle droghe.

C’è chi ritiene che la legalizzazione della droga possa servire ad infliggere un duro colpo al traffico illegale di stupefacenti, ma io non sono affatto d’accordo sull’efficacia di questa strategia per contrastare il fenomeno. Il basso costo di queste sostanze, infatti, non impedirebbe ai  criminali di continuare a spacciare.

Del resto, basta prendere ad esempio Paesi che in passato hanno deciso di liberalizzarla come la Svezia. Dopo anni di sperimentazione, si è assistito a un dietro-front e oggi, in Svezia, chi ha in tasca una sola dose di eroina è punito con la reclusione fino a sei anni. Evidentemente la liberalizzazione della droga non ha portato quegli esiti positivi che ci si aspettava. Personalmente rabbrividisco quando sento che in alcuni Paesi le droghe vengono distribuite nei club per giovani oppure nei cosiddetti “coffee-shop” come fossero dolcetti.

Da assessore alle politiche giovanili, mi sento di dover sostenere un modello di città che sia capace di offrire ai giovani una prospettiva diversa e più divertente di quella che può offrire la droga”.

Pubblicità

Pubblicità