Calabria Scuola

Cinquefrondi (RC): al via l’alternanza scuola-lavoro per 15 studenti

Saranno 15 gli studenti che prenderanno parte al percorso di alternanza scuola-lavoro.

L’alternanza scuola lavoro da parte degli studenti delle scuole superiori è un obbligo di legge.
L’Amministrazione Comunale di Cinquefrondi ha aderito alle richieste degli istituti presenti nel territorio e ha deciso di impegnare 15 studenti nell’ambito delle proprie strutture.

In particolare, essi avranno come destinazione la “Casa della Cultura”, dove esistono molteplici possibilità di fare un’esperienza lavorativa.

Un taglio particolare, quello della creazione “ex novo” della biblioteca dei volumi che fanno parte del “Fondo Pasquale Creazzo”, attraverso l’utilizzo di computer dotati di programmi capaci, non solo di catalogare ed inventariare i libri, ma anche, di elaborare dati per delineare l’ambito culturale in cui si è mosso il Creazzo e coltivando l’ambizione di andare oltre designando una sorta di “ipertesto”, in grado di offrire uno spaccato ampio del contesto storico, sociologico, culturale, economico e politico più ampio possibile, allargando alla bisogna il campo d’indagine a seconda delle curiosità che un simile progetto sarà capace di suscitare.

“Siamo pronti, in qualunque momento, – fa sapere in una nota il Sindaco Michele Conia – a derogare persino da queste linee, pur di mettere a disposizione degli studenti la possibilità di esplorare altri campi d’indagine e di studio secondo gli interessi che, ci auguriamo, affioreranno.
Esperienza del lavoro degli addetti ad una biblioteca, ma proiettata ad accrescere la curiosità e l’interesse culturale degli studenti.”
“Ringraziamo Luigi Carrera che volontariamente e gratuitamente ha deciso di dare il proprio contributo alla realizzazione di questo importante progetto che mira a fare dell’alternanza scuola lavoro un progetto vero di formazione e non di “sfruttamento” dei ragazzi e al contempo permetterà di rendere fruibile a tutti i cittadini il grande patrimonio culturale di Pasquale Creazzo.” – conclude il primo cittadino.

Pubblicità

Pubblicità