Attualità

Lamezia: Comune presenta progetto per la raccolta differenziata

Martedì 04 Aprile, nel pieno rispetto dei termini previsti dal Bando regionale, il Comune di Lamezia Terme – Settore Ambiente, ha consegnato al Dipartimento Ambiente e Territorio regionale, tutti gli atti tecnici ed amministrativi propedeutici per l’ottenimento del finanziamento previsto dal Decreto Dirigenziale n. 17494 del 30.12.2016, pubblicato sul BURC n. 1 del 04/01/2017 (scadenza il 04 Aprile 2017) che prevede di sostenere con un contributo pari ad € 26,00 ad abitante i comuni o i consorzi di comuni al di sopra dei 5000 abitanti per raggiungere l’obiettivo del 65% di rifiuto differenziato per l’anno 2020.
raccolta differenziataL’Amministrazione ha predisposto un Piano Comunale quinquennale, approvato con DCC n. 72 del 24.03.2017 e un Progetto di Servizio di miglioramento della raccolta differenziata che impegna se approvati dalla Regione il Comune per i prossimi 5 anni.
Il metodo ritenuto più efficace per ottenere il massimo recupero del rifiuto proposto nel Piano, è quello della raccolta domiciliare e di prossimità che  evita la miscelazione dei rifiuti e consente la separazione e selezione alla fonte, già dalle prime fasi del processo di raccolta.
Gli obiettivi prefissati di percentuale della raccolta differenziata da raggiungere nei 5 anni di programmazione e con le azioni di miglioramento del servizio previste nel progetto sono:
2017: attivazione RDPP in 10 zone da implementare raggiungimento del 43% di RD;
2018: obiettivo di RD al 53,4% messa a regime del metodo di RDPP attivato nel 2017;
2019: obiettivo di RD al 65,1% inserimento di sistemi di tracciabilità del rifiuto;
2020: obiettivo di RD al 69,4%;
2021: obiettivo di RD al 70,8%.
Per l’ottenimento dei risultati prefissati accanto all’attivazione del servizio porta a porta in tutte le restanti zone della città si prevede di avviare: sistemi di comunicazione e pubblicità per la promozione della raccolta differenziata, formazione e promozione rivolta in modo diversificato alle varie utenze (domestiche e commerciali) e corsi di formazione nelle scuole di ogni ordine e grado, apertura di un Eco – sportello a supporto dell’utenza;
sistemi di tracciabilità del rifiuto e di controllo del servizio reso; intercettazione di ulteriori frazioni quali: Oli usati di origine domestica, abiti usati e recupero di parte dei rifiuti da spazzamento strade con il metodo del Soil Washing, apertura del Centro di raccolta.
Il Progetto di servizio prevede interventi migliorativi che abbracciano l’intera popolazione: sia le utenze da implementare, sia quelle già implementate per le quali si prevede l’aggiunta di raccolte separate di alcune frazioni di rifiuto (vetro, olii ecc.), così come la parte di popolazione delle zone pedemontane per la quale si mantiene una raccolta stradale dei rifiuti differenziati, si prevede la raccolta separata dell’organico o con i contenitori stradali o dove sono presenti case sparse con orti o giardini con la fornitura di compostiere domestiche.
Il Progetto presentato la cui scadenza è stata prorogata solo ieri al 27 aprile p.v. è stato esclusivamente redatto da personale tecnico del Settore Ambiente del Comune, a cui va un grande plauso dell’Amministrazione per la competenza profusa e il rispetto rigoroso dei termini.

raccolta differenziata

Pubblicità

Pubblicità