Sport

Play The Games, 60 medaglie per gli atleti della Lucky Friends 

Che io possa vincere e, se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze”.

Play The GamesQuesta la formula del giuramento dell’atleta Special Olympics che ha dato inizio, nei giorni scorsi, ai Giochi Interregionali di Atletica e di Nuoto, Play the games Special Olympics 2017 che si sono tenuti il 29 e 30 aprile a Lamezia Terme, presso l’impianto sportivo dello stadio comunale “G. Renda”, gestito dalla squadra del Sambiase calcio, nella persona di Antonio Caroleo e presso la Piscina Comunale gestita invece, dall’Arvalia Nuoto Lamezia Terme.
A rappresentare la Calabria in maniera compatta ed energica, è stata ancora una volta l’Asd Lucky Friends, associazione sportiva lametina, nata dalla volontà dei genitori di ragazzi diversamente abili di creare per i loro figli e attraverso l’attività sportiva, momenti di socialità e la possibilità di acquisire nuove abilità, utili nello sport così come nella vita quotidiana.
La vittoria sportiva ma prima di tutto l’impegno negli allenamenti, il rispetto della disciplina e la costanza nell’attività stessa, sono i valori che vengono trasmessi ai ragazzi della Lucky Friends insegnando loro che, anche nella vita, ogni conquista è una gara in cui, prima di vincere, occorre partecipare senza arrendersi mai.

La Lucky Friends a rappresentare Lamezia Terme-Calabria, ha partecipato con 33 atleti alle diverse discipline si è resa protagonista con il suo il team lametino Special Olympics, conquistando 60 medaglie: 30 d’oro, 15 d’argento e 15 di bronzo,
Una vera e propria festa dello sport che ha avuto il suo inizio scoppiettante con l’accensione del Tripode Olimpico durante una suggestiva cerimonia inaugurale su corso Numistrano, alla presenza del Sindaco, Paolo Mascaro, dei tre special testimonial, Luigia Spinelli, don Giacomo Panizza ed Enzo Failla ed arricchita dalla melodia del soprano Nunzia Del Vecchio, del coro dell’Unione Ciechi di Catanzaro, e lo spettacolo dei Take it Jazzin’, e di Nicastru Cabballa.
I ragazzi lametini sono stati accompagnati, come sempre, dai loro genitori e da tutto lo staff dell’associazione.
Si ringraziano tutti color che hanno trasformato il sogno Special Olimpics nella realtà dei Play the Games.
Perché…la vittoria più grande arriva da un lavoro di squadra.

Pubblicità

Pubblicità