Litweb

Al Limen Al Limen con Antonio. Dalla Piramide a noi

Già il viaggio per Vibo diventa un viaggio a Tusa, quel luogo dove Antonio Presti, imprenditore e mecenate italiano ha dato vita alla Fondazione Fiumara d’Arte. Su suggestione di quel che io mi porto dietro, salendo sull’auto. Il libro “La Tusa dei desideri” di Gianfranco Labrosciano

viaggio
Un viaggio.
Ed è “Un viaggio” l’opera di Giuseppe Stissi, al Limen, un libro aperto per non vedenti quello che leggo  e vedo.  Un viaggio dall’Africa verso l’occidente, andata e ritorno, raccontato da un bambino  a Giuseppe. Un viaggio da toccare.limen 1

In macchina  parliamo  con Antonio, Silvia e Saverio,  mentre andiamo al Limen, di Antonio Presti,  imprenditore che costruisce un albergo sul mare, decide di realizzare un museo all’aria aperta, dà vita al parco di sculture monumentali Fiumara d’arte, nella valle dei monti Nebrodi in Sicilia, un museo all’aperto, un parco di sculture il  più grande d’Europa. Nel  suo albergo Atelier sul mare (1991-2013) a Castel di Tusa, in provincia di Messina, decine di artisti sono stati coinvolti  per la decorazione di camere d’arte.
L’ultima delle sculture della Fiumara d’arte, la Piramide – 38º parallelo di Mauro Staccioli sull’altura di Motta d’Affermo, noi avremmo dovuto vederla questo anno. Eravamo nei paraggi ma l’autista ci sconsigliò.
Antonio Pujia Veneziano racconta e racconta di come Antonio Presti subì alcune condanne prima di essere riconosciuto e mentre racconta siamo già arrivati a Vibo al Limen Premio Internazionale alla VII edizione promosso dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia.
limen 0
limen 2

Un castello reale sembra la sede del Limen questo anno. Felici e felici ascoltammo i relatori, noi seduti ai primi posti riservati a non ben definiti notabili. Ed essendo della stessa stirpe nobiliare dell’arte ci venne concesso l’onore.
limen 3
Così nel mentre parlava Domenico Piraina, Responsabile del Polo museale e dei Musei scientifici di Milano, io presi appunti mentali. Ricordo che lui, citando Federico Zeri, suo amico, ci raccontò che il genio non vive e produce da solo, ma ha bisogno di avere intorno quel crogiolo di bravi artigiani che lo sostengano e raccontava  di quanti bravi scalpellini abbiano partecipato alla creazione di opere sotto la direzione di Michelangelo.
Dunque se intorno non vi è abilità non sorge nulla. Intorno a me avevo  due artisti, Silvia Pujia, limen 10già vincitrice del Limen 2013 con una installazione “Soglie”  e Saverio Tavano, regista di Patres, per non parlare di Antonio Puija Veneziano, di cui taccio, per non esser accusata di parzialità. limen 9Insomma il genio della lampada non poteva che aver più terreno fertile di quello. Ed infatti nella Litweb eravamo orgogliosi. Nel salutare Massimo Iritano e sua moglie Lara Caccia, già incontrati a Lamezia con Gioacchino da Fiore, abbiamo percorso le opere con la grande meraviglia di stare nel paese dell’immaginazione e quando siamo giunti ai due palazzi in aria con il verde in cielo abbiamo trovato la sede del regno della Litweb.limen io

Alessandro Vinci mi fece foto per la stampa, per la posta e le telecomunicazioni ed io andrò ad abitare in uno dei palazzi lasciando l’altro a voi artisti.

La nostra piramide sarà altissima, nell’aria.
La porta è questa

Ippolita Luzzo
porta

Add Comment

Click here to post a comment

Pubblicità

Pubblicità