Dux in scatola a Innesti Contemporanei

In Litweb, Ultime notizie On

gianluca-cuda

Dux in scatola Sulla scena Daniele Timpano, Dux in scatola. Un baule in primo piano, un baule che non si aprirà e in fondo lui, Daniele Timpano, in silenzio, in nero. La distanza Temporale tra noi e il fatto storico che narrerà viene colmata da quel silenzio, quello stare in scena guardando immobile il fatto storico nel suo divenire senza possibilità di intervenire se non raccontandolo.

Scandendo i giorni. Dux in scatola è la storia di Mussolini, la storia della sua prigionia, della sua fucilazione, del corpo morto portato a Piazzale Loreto con Claretta Petacci ed altri 15 fascisti fucilati, per essere poi esposti, impiccati, al ludibrio dei passanti. Comunicato del 29 aprile 1945.”Qui Valerio decide di scaricare i cadaveri a terra, proprio dove le vittime della strage del 10 agosto 1944 erano state abbandonate in custodia ai militi fascisti della Muti, che li avevano dileggiati e lasciati esposti al sole per l’intera giornata, impedendo ai familiari di raccogliere i loro resti.” Dux in scatola è la storia del fascismo vivo e vegeto fra noi, non più simulacri e bottigliette a Pedrappio, è la storia di giorni e giorni in un corpo morto chiamato Dittatura. Il corpo morto parla e racconta. Il fascismo e il consenso. Duce Duce, gridava la folla, Duce Duce, e il saluto fascista e il ventennio fascista. Un corpo offeso eppur si racconta con la stessa distanza con cui ormai si raccontano i morti altrui: I tantissimi oppositori al fascismo fucilati e torturati. Seppellito il corpo, la notte tra il 22 aprile e il 23 aprile 1946, all’approssimarsi del primo anniversario della sua morte, tre fascisti, Mauro Rana, Antonio Parozzi e Domenico Leccisi, facenti parte del Partito Democratico Fascista, ne trafugarono la salma.  Dux in scatola e la repubblica nasce al canto di Fratelli d’Italia, l’Italia s’è desta, dall’elmo di Scipio s’è cinta la testa. Dov’è la vittoria?

In quel baule, ritrovato e riconsegnato alla famiglia Mussolini il 30 agosto 1957. In una scatola la storia d’Italia raccontata con sequenze storiche puntuali, giorno per giorni, nei giorni in cui avvengono i fatti.
Una precisione da storico, una cadenza da speaker televisivo, una presenza scenica da mimo, mimare un corpo morto che parla, vitale e presente, una lezione di teatro.

L’ora è tarda al Castello di Squillace, soffia il vento e non lo sentiamo. Applaudiamo e applaudiamo Daniele. Applaudiamo la ricerca delle fonti, applaudiamo la storia riconsegnata a noi spettatori, a noi facenti parte di una nazione che dimentica, maldestra, il corpo morto dal quale non si è staccata.  Brividi e paure per altri corpi morti, per altri ventenni di storia recenti, per altro sciupio nel correre dei tempi e delle scelte.

Su tutto questo però non può il teatro intervenire, il teatro è in Daniele, nel suo impersonare i gesti e la velocità, il fluire dei fatti, nella successione scandita a mo’ di denuncia e nel riconciliarci con la scena.

La rassegna al Castello di Squillace “Innesti contemporanei”, il festival di teatro ideato e diretto da Nastro di Mobius con la direzione artistica di Saverio Tavano.

Ippolita Luzzo

Foto Angelo Maggio

 

Articoli Correlati

Numerosi podi per la Arvalia Lamezia al Centro Sportivo Babel di Roma

Buoni risultati per l’Arvalia Lamezia al IV Trofeo Regionale Categoria Indoor 2020

Grande emozione per gli atleti della Arvalia Nuoto Lamezia sabato 18 e domenica 19 gennaio (altro…)

Read More...

Cuda (PD): dopo gettonopoli chiudere la disastrosa esperienza Abramo

La maggioranza consiliare che sostiene il sindaco di Catanzaro ormai non esiste più (altro…)

Read More...
Zeig di Martino Ciano

Lamezia. Sabato 25 Gennaio la presentazione di Zeig di Martino Ciano

Sabato 25 Gennaio 2020 alle ore 17.00 sarà ospite della Mondadori bookstore di Lamezia Terme (c.so G. Nicotera 220)

Read More...

Mobile Sliding Menu