Politica

Azione Identitaria Calabria esprime solidarietà a FN contro Manoccio

Striscione contro Manoccio di Forza Nuova
Striscione contro Manoccio di Forza Nuova

AI Calabria contro il responsabile per l’accoglienza in Calabria, Giovanni Manoccio

Comunicato stampa

Solidarietà ai militanti di Forza Nuova che, per aver liberamente espresso un pensiero comune a tantissimi italiani, sono diventati bersaglio di minacce da parte del responsabile per l’accoglienza in Calabria, Giovanni Manoccio.

A quanto pare Manoccio non perde occasione per confermare le sue smanie di protagonismo assurgendo a vittima dei “cattivoni” che non condividono la sua disponibilità al tradimento del popolo italiano (è di qualche mese fa l’invito a dimettersi, fattogli da Azione Identitaria tramite uno striscione presso la Cittadella della regione a Catanzaro e che ha scatenato in lui una crisi “vittimistica” dal suo profilo facebook)  e, per questo, usa la stampa come megafono per richiedere sostegno da chi, come lui, si preoccupa di certa forma tralasciando la sostanza, ed infatti non si è fatta attendere la risposta di solidarietà addirittura dal governatore della regione Puglia, Michele Emiliano, che ha dato la priorità ai vagheggiamenti di questo personaggio ambiguo, piuttosto che concentrarsi sui non pochi problemi che affliggono la sua regione, unendosi alla corale nenia soporifera di ricorrere a provvedimenti contro l’apologia al fascismo e da Franco Corbelli, fondatore e coordinatore del Movimento Diritti Civili in Calabria, lo stesso che ha ignorato per anni le oggettive difficoltà di un ragazzo disabile di Locri.

Ad Emiliano consigliamo di aggiornarsi soprattutto sull’ultima sentenza, che lui da ex magistrato non dovrebbe ignorare, che non condanna il saluto romano tanto temuto da questi sensibili esponenti di partiti inutili per la Patria, ed al Corbelli di preoccuparsi maggiormente delle concrete esigenze richieste sul territorio senza aspettare che Azione Identitaria intervenga a sostegno di chi protesta per un diritto.

Riguardo a Manoccio, accecato oramai dalla sua avida brama d’accoglienza tanto da condannare anche le canzoni (ha minacciato anche il cantante Povia), vogliamo ricordargli che Azione Identitaria continuerà a vigilare ed intervenire sul suo deplorevole operato, magari regalandogli ancora qualche altro sprazzo di celebrità, da lui tanto ambita e celata da umanitarismo, e rinnoviamo l’invito a dimettersi rinunciando alla carica propagandistica riconosciutagli da chi, come lui, non muove un dito per i calabresi.

AZIONE IDENTITARIA CALABRIA

Pubblicità

Pubblicità