Politica

PD, Monique Famularo a sostegno alla candidatura di Andrea Orlando

“Oggi, più che mai, serve un PD nuovo e, soprattutto, serve un leader che unisca e non un capo che imponga.” Queste le parole di Monique Famularo a sostegno della candidatura di Andrea Orlando.

Penso di avere una dote: saper unire. E questo Paese ha bisogno di unità”. Con queste parole Andrea Orlando si è candidato alla segreteria del Partito Democratico.
Aspettavo, insieme ad altri compagni, un vero soggetto politico ma, soprattutto, una persona carismatica e concreta come Orlando, uno dei più autorevoli esponenti del Partito Democratico. Una figura politico-istituzionale da portare come esempio con il profilo ideale per avviare una stagione di cambiamento e di condivisione delle scelte, per ridisegnare un centrosinistra vincente e soprattutto vicino ai cittadini.
Non condivido la posizione dei fuoriusciti che stanno creando una “nuova cosa” a sinistra, dimenticando che il PD è un grande movimento politico all’interno del quale riesce a trovare, usando principi democratici veri, unità d’intenti.
Vedo con piacere, tra l’altro, che tanti giovani si stanno avvicinando al PD coinvolti dalle parole d’ordine della mozione congressuale: equità, uguaglianza e giustizia sociale. È positivo ritrovare uniti, nel sostegno al ministro Orlando, tante persone con storie ed esperienze di vita diverse.

Oggi, più che mai, serve un PD nuovo e, soprattutto, serve un leader che unisca e non un capo che imponga. Presenterò dunque la mozione Orlando, nella Città di Lamezia Terme, per questo ma anche per ricostruire un centrosinistra che sappia cogliere i segnali che provengono da una società segnata dagli effetti di una prolungata crisi economica e sappia impartire le giuste ricette che pongano, finalmente, al centro dell’azione di governo la dignità del cittadino.

A lui va, perciò, il mio sostegno.

Monique Famularo

Pubblicità

Pubblicità