Cronaca Politica

Radicali: “Il tentato suicidio dopo la nostra visita nel carcere di Paola”

Il detenuto che ha tentato di impiccarsi con un pigiama all’interno della sua camera è stato salvato dal pronto intervento della Polizia Penitenziaria.

Delegazione Radicale Casa Circondariale di Paola

PAOLA – Un detenuto straniero, in espiazione di pena, ristretto presso la Casa Circondariale di Paola, nel tardo pomeriggio di martedì scorso, ha tentato di suicidarsi ma, per fortuna, è stato salvato dal personale del Reparto di Polizia Penitenziaria.
Lo rivela Emilio Enzo Quintieri, esponente dei Radicali Italiani che, proprio martedì scorso, insieme a Valentina Moretti e Roberto Blasi Nevone, ha effettuato una visita ispettiva presso la Casa Circondariale di Paola autorizzata dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia.

“L’evento critico, – continua l’esponente dei Radicali Italiani – per quanto ci è stato riferito, è stato messo in atto poco dopo la conclusione della nostra visita. Il detenuto ha tentato di impiccarsi con un pigiama all’interno della sua camera detentiva ma grazie al pronto intervento del personale di Polizia Penitenziaria non è riuscito a concretizzare il gesto autosoppressivo.”

La Delegazione dei Radicali Italiani si era recata nell’Istituto nel primo pomeriggio rimanendovi fino alle 18:30 circa ed era stata accolta ed accompagnata durante la visita dal Commissario Maria Molinaro, Comandante di Reparto della Polizia Penitenziaria e dall’Ispettore Capo Attilio Lo Bianco, Coordinatore della Sorveglianza Generale.

Casa Circondariale di Paola

“Nell’Istituto Penitenziario di Paola – riferisce Quintieri – al momento sono presenti 217 detenuti, 93 dei quali stranieri, con un esubero di 35 detenuti poiché la capienza regolamentare è di 182 posti. La maggior parte sono tutti condannati (164) anche perché vi sono delle Sezioni Reclusione ed i restanti 53 sono giudicabili (19 in attesa di primo giudizio, 16 appellanti e 18 ricorrenti).
Tra la popolazione detenuta vi sono 33 tossicodipendenti e numerosi sono i casi psichiatrici. 1 detenuto era in permesso premio concesso dal Magistrato di Sorveglianza di Cosenza Paola Lucente. 75 sono le persone ristrette che lavorano nell’Istituto alle dipendenze dell’Amministrazione Penitenziaria. Sino ad ora, in questi mesi, eccetto una aggressione ai danni di un Agente Penitenziario avvenuta qualche giorno fa, non vi erano stati eventi critici a Paola e speriamo che non ve ne siano altri.”

“Le condizioni generali della Casa Circondariale di Paola, complessivamente, sono buone. – conclude l’esponente radicale Emilio Enzo Quintieri – Nei prossimi giorni presenteremo alla Direzione delle proposte progettuali per l’apertura di uno sportello di assistenza fiscale e di patronato per i detenuti ed il personale penitenziario e per lo svolgimento di corsi di formazione sportiva riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano all’interno dell’Istituto. Venerdì pomeriggio proseguiremo con le visite facendo tappa alla Casa Circondariale “Sergio Cosmai” di Cosenza.”

Ti potrebbe interessare: Carceri, Radicali nelle strutture cosentine

Pubblicità

Pubblicità