Mercoledì 3 Giugno 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Addio a catene di Sant’Antonio: WhatsApp promette provvedimento restrittivo

2 min read
whatsapp

L’annuncio è quello di limitare l’inoltro di messaggi ad un solo contatto alla volta, così WhatsApp precisa che non sarà più possibile inviare un contenuto ad altre persone a caso, ad esempio un testo, una foto o un video ed inviarlo, come al momento è possibile, a cinque contatti, così da disincentivare la circolazione di bufale, fake news che si nascondono dietro le cosiddette catene di Sant’Antonio

Pare che lo stop arriverà nei prossimi giorni con un aggiornamento dell’applicazione stessa, in un post ufficiale sul blog di WhatsApp si legge: “Lo scorso anno abbiamo presentato la funzione che consente di riconoscere i messaggi che sono stati inoltrati molte volte, si tratta di un’etichetta dotata di una doppia freccia, che contraddistingue i messaggi di dubbia provenienza. A partire da oggi, questi messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta“.

Ovviamente questa misura restrittiva, limiterà di molto anche le comunicazioni utili o dai contenuti divertenti come meme, video comici o i tradizionali messaggi di buon giorno con frasi di autori noti e meno noti.

Quindi questa pandemia ha ulteriormente inasprito gli allarmisti di professione, fino a creare notizie fasulle o ingannevoli, al fine di incentivare l’allarmismo di massa.

Fra le altre cose, il top management dell’app in questione, ha donato un milione di dollari all’International Fact-Checking Network e alcuni giorni fa è stato attivato un bot, cioè un risponditore automatico all’interno di un canale, in collaborazione con l’OMS, che raccoglierà notizie verificate e attendibili.

Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi e confidare nel buon senso non solo degli sviluppatori dell’App ma anche degli utenti, poiché come la storia ci insegna, anche i social, precedentemente demonizzati come antisociali, adesso ci tengono paradossalmente più uniti, l’importante non è l’uso ma l’abuso, come in tutte le cose.

Riccardo Cristiano