LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Aeroporto Lamezia, dal 28 marzo iniziano i voli di Ego Airways

3 min read

Ego Airways: aperte le vendite da oggi 7 gennaio 2021 per i voli in partenza dal 28 marzo dall’aeroporto di Lamezia Terme. 

MILANO. Il momento tanto atteso è finalmente arrivato e come annunciato, EGO Airways, la nuova compagnia aerea Made in Italy, creata da una cordata di imprenditori italiani con alle spalle un’esperienza pluriennale nel settore aeronautico, oggi 7 gennaio 2021, dà il via alle vendite in partenza dall’aeroporto di Lamezia Terme.

In linea con il piano presentato al mercato all’inizio dello scorso dicembre, i biglietti disponibili dal 7 gennaio interessano la programmazione annuale, attiva dal 28 marzo 2021, con un fitto calendario di collegamenti che coinvolgerà, oltre all’aeroporto di Lamezia Terme, gli aeroporti di Forlì, Firenze, Catania, Parma e Bari. A questi scali, dal 4 giugno, si aggiungeranno Cagliari, Bergamo e Roma.

“Con molta soddisfazione, in un momento che ci auguriamo possa far intravedere una ripartenza per tutto il comparto travel, diamo inizio alle vendite tenendo fede a quanto preannunciato. Era importante presentarci puntuali a questa scadenza e nonostante la complessità del periodo ci siamo impegnati al massimo per rispettarla. I feedback raccolti dal giorno della presentazione ufficiale della compagnia sono molto positivi, sia da parte della rete agenziale sia da parte degli operatori. Le partnership con gli aeroporti di riferimento sono molto solide e all’insegna della massima collaborazione, in una promettente ottica win-win. Guardando con fiducia al futuro, siamo pronti a interagire con tutti i segmenti del mercato, forti della certezza di offrire un servizio che saprà declinare il meglio del Made in Italy, in perfetta sicurezza e all’insegna della personalizzazione dell’esperienza”, commenta Marilena Bisio, responsabile commerciale di EGO Airways.

Il piano voli da Lamezia Terme e le tariffe

Il piano voli, operati dai 2 aeromobili Embraer 190, prevede tratte con differente frequenza nell’arco della settimana. Tre volte alla settimana (martedì, giovedì e sabato) saranno attivi i voli tra lo scalo di Lamezia Terme e quelli di Forlì, Firenze e Parma.

Due le fasce di prezzo, con voli a partire da 48,90 euro, per le tariffe JUST GO, e da 98,90 euro per la PRIVATE, che si differenziano principalmente per tipologia di posto. Entrambe possono essere personalizzate nel corso della prenotazione o al check-in, scegliendo tra le ancillaries a pagamento proposte dalla compagnia.

EGO Airways e il trade

Per presidiare al meglio il territorio nazionale EGO Airways ha attivato un team sales, con referenti dedicati in particolare a differenti aree e coordinati dalla responsabile commerciale Marilena Bisio: Massimo Larini seguirà la Toscana, Antonio Parente sarà attivo tra la Romagna e le Marche, Giovanni Carlucci si occuperà della Puglia, di una parte della Calabria e della Basilicata, Gianluca Glorioso opererà tra la Sicilia e la restante parte della Calabria.

Articolato il programma di servizi B2B per le ADV e agli operatori che, tra le altre cose, avranno a loro disposizione un call center, un’area online dedicata con tool utili e di facile utilizzo, incentivazioni e modalità di pagamento riservate. Senza dimenticare, naturalmente, la diversificazione delle possibilità che includono quotazioni per voli charter one shot, rotazioni di intere stagioni, allotments e operazioni di vuoto/pieno, visite congiunte ad aziende (con benefit per aziende e agenzie), nonché accordi di Corporate Net Rates, utilizzabili dall’ADV.

“La nostra squadra commerciale sarà attiva da subito per dare la possibilità a tutti gli stakeholder di mettere a fuoco i vantaggi e le opportunità che EGO Airways è pronta a offrire al panorama B2B nazionale, nell’ottica di declinare la nostra filosofia della massima personalizzazione dell’esperienza anche nelle interazioni con le ADV, i tour operator e le aziende. Con la volontà di essere un partner flessibile e affidabile e con l’ambizione di contribuire alla ricostruzione del tessuto turistico del nostro Paese”, conclude Marilena Bisio.