Crotone: fermati trafficanti di migranti mentre tentavano la fuga

In Cronaca On
a crotone fermati due trafficanti di migranti-LameziaTermeit
Container Lamezia Terme

L’imbarcazione con 79 pachistani si era incagliata nelle vicinanze di Capo Cimiti.

Comunicato stampa:

Nella tarda sera di ieri 23 novembre, sviluppando un’informazione pervenuta dalle Capitanerie di porto, di una operazione di soccorso in mare che riguardava un’imbarcazione incagliata nei pressi di Capo Cimiti (KR) con a bordo 79 migranti, il dispositivo di contrasto ai traffici illeciti in mare del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia veniva orientato all’individuazione degli scafisti: i finanzieri della Sezione operativa navale di Crotone, articolazione, che sotto l’egida della Stazione navale di Vibo Valentia, è competente per il tratto di costa interessato, hanno subito iniziato a pattugliare la costa con unità navali idonee ad operare in acque basse alla ricerca degli scafisti.

a crotone fermati due trafficanti di migranti-LameziaTermeitLa ricerca è stata integrata da un elicottero della Sezione aerea della guardia di finanza di Lamezia Terme che ha perlustrato l’area costiera interessata e ha consentito di individuare un tender spiaggiato non lontano da Capo Cimiti.

I finanzieri della Sezione operativa navale di Crotone, hanno individuato poco dopo, due uomini di nazionalità lettone nei pressi della stazione ferroviaria del capoluogo, ancora bagnati e sporchi di sabbia, verosimilmente sbarcati dal piccolo gommone abbandonato sul lido. I due, formalmente ancora sospetti, ma che tutti gli elementi raccolti inducono a ritenere responsabili del traffico, sono in stato di fermo per completare gli accertamenti del caso.

Se, infatti, è importante e umanamente doveroso soccorrere i migranti in difficoltà, è fondamentale, ed è questo il primario compito del dispositivo aeromarittimo della guardia di finanza, assicurare alla giustizia i responsabili e gli esecutori di questo, come degli altri traffici illeciti sul mare, al fine di colpire incisivamente la filiera del malaffare che rende conveniente il perpetrare tale condotta illecita.

In quest’ottica l’individuazione e l’arresto degli scafisti costituisce un elemento importante, di retribuzione punitiva del comportamento criminale dei responsabili e di dissuasione per ulteriori arrivi e il suo successo dipende strettamente dall’efficacia del dispositivo integrato di sorveglianza e prevenzione.

L’esperienza e l’acume dei militari operanti e la validità del modello operativo di sorveglianza posto in essere dal Corpo quale polizia del mare, a tutela dell’ordine pubblico e degli interessi del paese, hanno, ancora una volta portato a un risultato importante per scoraggiare il perpetrarsi di tali traffici.

Dall’inizio dell’anno, i finanzieri del reparto aeronavale hanno arrestato e denunciato 40 responsabili, intercettato e sequestrato 16 natanti, prevalentemente impegnati nel traffico di migranti, nel corso missioni di sorveglianza e prevenzione.  

Articoli Correlati

aula tribunale

Lamezia. Riformate condanne per rapine commesse da appartenenti a cosca Giampà

La corte d’Appello di Catanzaro, presieduta da Giancarlo Bianchi, ha riformato alcune condanne nei confronti di quattro imputati che

Read More...
nino spirli

Commercio e Artigianato. Spirlì: pubblicato il Bando Riapri Calabria

Con mia personale soddisfazione è finalmente arrivato alla pubblicazione sul sito della Regione Calabria il bando relativo al provvedimento

Read More...
Freccia Rossa

Pitaro: rivedere la scelta di escludere la stazione di Vibo-Pizzo dalle fermate di Frecciarossa ed Italo

La scelta di Trenitalia e di NTV di escludere la stazione di Vibo – Pizzo dalle fermate di Frecciarossa

Read More...

Mobile Sliding Menu