“Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno”, il bilancio della rassegna

In Eventi&Cultura On
“Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno” promossa dall’associazione Nish

I numeri da soli non possono bastare a fotografare ciò che è stata l’iniziativa “Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno” promossa dall’associazione Nish con il contribuito della Regione Calabria, però aiutano.

Più di 300 alunni delle scuole primarie di Pizzo e di Portosalvo a cui vanno aggiunti i ragazzi e le ragazze del Liceo Scientifico e l’alternanza scuola lavoro del Liceo Capalbi, e per finire un gruppo di 50 studenti provenienti da cinque paesi europei che partecipano ad un progetto Erasmus school to school con il liceo linguistico di vibonese.

A tutto ciò vanno sommati anche i tantissimi visitatori, di zona e non, e gli spettatori ai tre incontri serali in programma. Una iniziativa articolata dunque, con il patrocinio della fondazione Matera2019 capitale europea della cultura, tra istallazione museale e dibattiti, per mettere a tema due aspetti identitari del territorio vibonese che arrivano dal passato, raccontano il presente e ci proiettano nel futuro.
Sicuramente un successo, così come dice Erica Tuselli, responsabile del progetto, «siamo andati ben oltre le aspettative; sapevamo di aver costruito un progetto di qualità scegliendo come aspetti identitari l’epopea delle tonnare e le storie degli ultimi maestri vasai, che trovava la sua forza nelle istallazioni e nel lavoro fatto in questi mesi tra videointerviste e documentari, ma la risposta entusiasta di bambini ed adulti ci ha comunque colpito.

“Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno” promossa dall’associazione Nish

Così come emozionante è stato anche il racconto di Ninetto Davoli tra cinema, Calabria e Pasolini, il dialogo tra Domenico Dara e Nicola Fiorita che hanno analizzato l’oggi culturale della nostra regione attraverso le loro lenti da scrittori, ed infine le quattro storie per il futuro raccontate domenica, a chiusura di manifestazione, da quattro giovani esempi della Calabria che si muove e progetta: Caterina Fanello, Viviana Gentile, Paola Sciutto e Giuseppe Scuticchio».

Per realizzare tutto ciò Nish ha prima presentato il progetto alla Regione Calabria, risultando meritevole del finanziamento regionale, e nei giorni scorsi è arrivata anche una lettera di plauso dell’assessora all’istruzione e alle attività culturali della regione Maria Francesca Corigliano, e poi ha messo su un gruppo di lavoro diretto da Pino Zappalà dell’Extramuseum di Torino e da tre giovani professionisti: i videomaker Giuseppe Pascale e Giorgio Sergi ed il designer Francesco Barberio che si è occupato della progettazione degli spazi.
Insieme a loro anche il comune di Pizzo, quello di Gerocarne, il Gal “Terre Vibonesi”, la Cineteca della Calabria, Antonio La Gamba con gli artisti della Bottega Limen e l’azienda Tonno Callipo.
«È stato un gran lavoro di sinergia – conclude Tuselli – che ci fa ben sperare per i prossimi progetti ed il lavoro che abbiamo davanti a noi; l’obbiettivo è esportare Diari Meridiani, e vista la risposta avuta dal pubblico e le richieste di proseguire con l’istallazione, siamo fiduciosi che ciò possa avvenire».

Articoli Correlati

Carabiniere lametino suicida ad Asti

Si è tolto la vita con un colpo alla tempia sparato con la sua pistola d’ordinanza (altro…)

Read More...
Lamezia. Residenti di Ginepri sul piede di guerra, domani protesta al Comune

Lamezia. Residenti di Ginepri sul piede di guerra, domani protesta al Comune

Una riunione di fuoco quella svolta nella pineta Ginepri, contro la revoca della convenzione della stessa da parte della

Read More...
Pizzo (VV). Donna rischia di annegare per salvare figlio

Pizzo (VV). Donna rischia di annegare per salvare figlio

Una donna rischia di annegare per salvare il figlio di dieci anni (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu