LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



L’F.C. Lamezia Terme soffre ma supera il Messina

2 min read

Al Guido D’Ippolito di Lamezia Terme si disputa la nona giornata del campionato di serie D, girone I

Opposta all’F.C. Lamezia Terme il Messina, nobile decaduta che al momento si trova relegata nei bassifondi della classifica.

Lamezia che si presenta in campo con la novità Umbaca al posto di Laaribi, ceduto in questa settimana insieme al portiere Martino.

La cura Lio ha dato i suoi frutti, i gialloblu infatti giocano un ottimo primo tempo, squadra votata sempre all’attacco, il Messina è poca cosa.
Lamezia che ha subito l’occasione di sbloccare il risultato con Haberkon, ma il guardalinee aveva già alzato la bandierina al momento del cross.
Più volte, con ottime azioni di ripartenza, la squadra lametina ha avuto modo di colpire ma gli attaccanti sono stati frettolosi ed imprecisi.

Lamezia che passa in vantaggio al 34’ con Bezzon, bravo ad intercettare una rimessa del portiere Giannini e a battere a rete.

I gialloblu hanno più occasioni per raddoppiare ma senza successo.
Al secondo minuto di recupero arriva la doccia fredda per il Lamezia: punizione dalla sinistra del Messina, dormita totale di tutta la difesa, compreso il portiere, e Gastaldo indisturbato che segna. 1-1 e tutti negli spogliatoi.

Al primo minuto della ripresa il Messina rischia di raddoppiare con Licciardello che lanciato a rete, manca di un soffio la porta.

Successivamente è Bollino che per ben due volte, a tu per tu con il portiere, manca il guizzo vincente.

Il Messina prova ad alzare il baricentro e grazie anche ad un calo fisico dei padroni di casa, sfiora più volte il clamoroso vantaggio.

Al 38′ è il neo entrato Sow a rubare palla a Sirignano e a presentarsi solo davanti al portiere, tiro incredibilmente a lato alla sinistra di Gentile.

Al 40′ i gialloblu rimangono in 10 per l’espulsione di Camilleri, che ferma fallosamente Sow lanciato a rete.

Dopo 3 minuti è Mbegue a ristabilire la parità numerica, Bernardi si invola sulla sinistra e viene bloccato dal difensore peloritano, l’arbitro non può che espellerlo.

Al 43′ il D’Ippolito esplode di gioia, su azione dalla destra Provazza serve Maritato che indisturbato segna, nulla può Giannini, è il 2-1.

Vittoria sofferta ma meritata per il Lamezia che ora si porta ad un solo punto dalla vetta, in attesa del match del Gebilson a Paternò.

F.C. LAMEZIA TERME – MESSINA

F.C. LAMEZIA TERME: Gentile, Miliziano, Camilleri, Sirignano, Tipaldi, Salandria, Maimone, Bezzon, Umbaca, Bollino, Haberkon. A disp. Guerra, Miceli, Tringali, Bernardi, Amendola, Provazza, Sandomenico, Maritato, Da Dalt. All. Lio

MESSINA: Giannini, Licciardello, Orlando, Bramati, Perez, Carrozzino, Rosa, Sambiase, Gabionetta, Tosolini, Mbegue. A disp. Cuomo, Aliaga, Iurato, Gioia, Santapaola, Castiglia, Sow, Piccione, Valente. All. Ferraro

Click to Hide Advanced Floating Content