LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Finanziere ferito su barcone: “all’improvviso è esploso tutto”

2 min read
esplosione barcone crotone

“Ero insieme all’appuntato scelto qs Maurizio, eravamo a bordo del veliero” quando “c’è stata un’esplosione a bordo, da cui si sono sviluppate le fiamme”

Così il finanziere Antonio Frisella, rimasto ferito insieme al collega appuntato scelto Qs Maurizio Giunta nell’esplosione della barca di migranti avvenuta al largo del Crotonese, racconta in un’intervista all’Adnkronos i drammatici momenti vissuti.

Più che fiamme – spiega poi – c’è stata un’esplosione a bordo. Appena avvenuta l’esplosione sono stato sbalzato all’indietro e mi sono buttato a mare. Abbiamo provato a salvare le persone”, in “mare abbiamo cercato di salvare qualcuno, c’era sul posto la nostra vedetta, il comandante della vedetta si è buttato in mare“.

Ma “parecchi migranti, quasi tutti, non sapevano nuotare. Infatti qualcuno ho provato a prenderlo anche con le ciambelle di salvataggio”. “Ero esausto” e il mare era agitato: “C’erano parecchie onde”, “il mio primo pensiero è stata mia moglie e mia figlia di 11 mesi” dice Antonio Frisella.

L’imbarcazione “veniva presumibilmente dalla Turchia”. A bordo, spiega, c’era “qualcuno dello Sri Lanka, qualche somalo. Erano tutti abbastanza giovani e di donne ce n’era solo una a bordo”.

Ci chiamano eroi? “Siamo esseri umani, lo siamo tutti“. “Siamo stati fortunati, molto fortunati”, aggiunge sottolineando però di non aver pensato alla morte: “Ma ho avuto molta paura”.

Non mi sono mai, mai ritrovato in una situazione del genere. Ho fatto altri soccorsi, ma una situazione come questa mai” dice il finanziere che ancora scioccato per l’accaduto, e non senza commozione, spiega: “Sono cose che finché non le provi non te ne rendi conto”.

Il finanziere racconta ancora scosso di aver visto “un ragazzo” morire in acqua. Il suo pensiero a chi non c’è più. (fonte: Adnkronos)