Giornata del Migrante e del Rifugiato a Lamezia

In Attualità On
- Updated

I migranti minorenni, soli e senza voce, indifesi e vittime dello sfruttamento collegato ai processi migratori, al centro del pensiero di Papa Francesco per 103esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che sarà celebrata anche nella Diocesi di Lamezia Terme domenica prossima 15 gennaio.

Giornata del Migrante e del Rifugiato a LameziaAlle 18.30, i migranti cristiani delle diverse comunità presenti nella diocesi lametina si ritroveranno in Cattedrale per partecipare alla Santa Messa presieduta dal Vescovo Luigi Cantafora.
Oltre alle letture in lingua, per richiamare il tema della giornata, i bambini di varie etnie e Paesi animeranno con i canti la celebrazione. Durante la Messa, anche un momento di preghiera per chiedere perdono per tutti i bambini morti nel Mar Mediterraneo, vittime della crudeltà di chi sfrutta la disperazione delle persone costrette ad emigrare e vittime anche della nostra indifferenza.
“Il messaggio di Papa Francesco per questa giornata – spiega Suor Manuela Simoes direttrice dell’ Ufficio Diocesano Migrantes – pone l’accento sui migranti minorenni, specialmente quelli soli, sollecitando tutti a prendersi cura dei fanciulli che sono tre volte indifesi: perché minori, perché stranieri e perché inermi, forzati a vivere lontani dalla loro terra d’origine e separati dagli affetti familiari.
Insieme agli immigrati cristiani presenti a Lamezia, ci ritroveremo domenica prossima per pregare per tutti i bambini vittime di gente senza scrupoli che sfruttano il dramma di milioni di persone costrette ad emigrare: minori sfruttati, minori oggetto di violenza fisica e morale, minori assoldati dalla criminalità organizzata.. Il Papa ci sollecita alla protezione, all’integrazione e a trovare soluzioni durature.
E’ sempre più drammatica, specie qui in Calabria, la realtà dei migranti minorenni che sbarcano sulle nostre coste e dopo la permanenza nei centri di accoglienza se ne perdono le tracce: diventano invisibili. Come Ufficio Diocesano Migrantes, anche qui a Lamezia, cerchiamo di fare il possibile per essere vicini ai più piccoli che giungono nella nostra città da altri Paesi, contrastando l’esclusione e l’emarginazione innanzitutto spingendoli ad andare a scuola e interloquendo con le famiglie.
Come Chiesa di Lamezia vogliamo continuare a rispondere all’appello del Papa facendoci prossimi con gesti concreti di fraternità ai minori che giungono nel nostro territorio, alle loro famiglie e alle loro comunità per una piena inclusione e per costruire una città che sia famiglia per tutti”.

Articoli Correlati

La presentazione del libro Amori regalati

Amori regalati. Presentato il libro dello scrittore calabrese Olimpio Talarico

Alla presenza dell’assessore regionale all’Istruzione ed alla cultura, Maria Francesca Corigliano, è stato presentato a Lamezia Terme il romanzo

Read More...
Daniele Miceli

Italian Cage Fighting 5: vittoria del lametino Daniele Miceli

Daniele Miceli, atleta del Fight club Lamezia Terme ha battuto Raffaele Spallitta all'Italian Cage Fighting 5. (altro…)

Read More...

Vibo Valentia. Rubano pneumatici per sostituire i propri

Sorpresi dagli agenti di una volante con quattro ruote a bordo (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu