LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Lamezia. Capusutta lancia una campagna di crowdfunding

2 min read
Lamezia. Capusutta lancia una campagna di crowdfunding

Capusutta (letteralmente “a testa in giù”) è un laboratorio teatrale nato nel 2011, come sperimentazione calabrese della non-scuola di Marco Martinelli, per volere di Tano Grasso, allora assessore alla Cultura a Lamezia Terme, e con l’appoggio importante dell’associazione “La Strada” e dell’operatrice sociale Rosy De Sensi

Il laboratorio è stato guidato dagli attori di Punta Corsara, compagnia teatrale napoletana, i cui componenti provengono dalla non-scuola partenopea.

A Lamezia Terme il laboratorio coinvolge soprattutto ragazz* delle scuole superiori e bambin* della realtà rom lametina, con l’obiettivo di farl* avvicinare al teatro.

Negli anni è stata messa in scena la riscrittura di diverse commedie, all’interno di festival, eventi culturali, anche fuori dal territorio calabrese.

Nonostante le numerose difficoltà economiche e organizzative, si è riusciti a portare avanti il progetto anche in forma autogestita e a includere nel corso degli anni sempre più realtà, come i migranti del centro di accoglienza “Luna rossa” e la compagnia teatrale lametina MammutTeatro, che ha offerto un sostegno concreto per la riuscita degli ultimi laboratori.

La raccolta fondi è mirata allo svolgimento del laboratorio nel prossimo anno e alla ripartenza dell’intero progetto. È necessario, infatti, diffondere e pubblicizzare Capusutta per ampliare la partecipazione della popolazione lametina, e garantire a tutt* mezzi adeguati ad una fruizione gratuita del laboratorio.

Il crowfunding è potuto partire grazie anche al fondamentale contributo di alcun* artist* del territorio lametino (Simona Ponzù Donato, G Loois e Alba Statti in arte “Malagrana”), che hanno deciso di sostenere Capusutta offrendo delle stampe che verranno donate a chi partecipa alla campagna.

Capusutta rappresenta una ventata d’aria fresca in un contesto perennemente in crisi come quello lametino, uno «Spazio di libertà e creazione dove ogni corpo racconta qualcosa», per usare le parole di Martinelli sulla non-scuola.

Tante persone hanno incrociato Capusutta e si spera che tante altre lo facciano, per capire la ricchezza, la trama di incontri e legami che il teatro sociale può generare, soprattutto in tempi duri come questi, che richiedono con urgenza di immaginare un mondo capovolto.

Ecco il link: https://www.produzionidalbasso.com/project/lamezia-capusutta/