Venerdì 10 Luglio 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia, confisca di beni a Salvatore Mazzei

1 min read
motori-lamezia

Nella giornata di oggi 5 febbraio 2018, in esecuzione alla sentenza emessa dal Tribunale di Catanzaro, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Catanzaro, del Comando Provinciale Carabinieri di Catanzaro e del Gruppo Carabinieri di Lamezia Terme, hanno proceduto alla confisca dei seguenti beni di proprietà o riconducibile a Salvatore MAZZEI cl. 56 di Lamezia Terme:

-26 società
-67 fabbricati;
-176 appezzamenti di terreno
-13 autocarri
-5 autovetture
-10 macchine operatrici per cantiere;
-1 motociclo

confisca beni salvatore mazzeiL’odierna confisca, è stata preceduta da un sequestro richiesto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro – Dr. Nicola GRATTERI e coordinata dall’Aggiunto Giovanni BOMBARDIERI, nell’ambito di una precisa strategia investigativa, finalizzata alla sottrazione di beni riconducibili a soggetti collegati, o contigui, ad organizzazioni di ‘ndrangheta.
L’indagine, avviata nell’anno 2011, inizialmente dalla Procura di Lamezia Terme, successivamente trasferita per competenza territoriale, alla Procura di Catanzaro, ha permesso di ricostruire, attraverso una diligente e minuziosa indagine, un patrimonio illecitamente acquisito pari a 200 milioni di Euro.
L’attenta analisi dei dati acquisiti ha permesso di accertare una rilevante sproporzione tra i redditi dichiari ed il flusso di denaro realmente introitato da parte del Mazzei e del Nucleo familiare.