Operazione Ciclope tra Crotone e Verona: arresti e sequestro beni per 12 milioni di euro

In Cronaca, Ultime notizie On
- Updated
Operazione Ciclope tra Crotone e Verona: arresti e sequestro beni per 12 milioni di euro

In corso dal primo mattino di oggi l’operazione Ciclope che la guardia di finanza sta conducendo tra Crotone e Verona.

Sette persone arrestate, sequestro preventivo del valore di 12 milioni di euro, 118 mezzi sequestrati 3 società sottoposte ad amministrazione giudiziaria.

Questo il bilancio di “Ciclope” che sta impegnando i finanzieri a Cutro, Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Rocca di Neto, Belfiore e Cologna Veneta in provincia di Verona.

Grazie alle indagini svolte dalla guardia di finanza di Crotone, in seguito alla richiesta della procura della Repubblica crotonese che é stata pienamente accolta dal Gip, sono state emesse 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere e per altre 12 persone sono stati disposti gli arresti domiciliari.

In pratica è stata smantellata un’associazione attiva nel settore delle frodi fiscali e del riciclaggio del profitto del reato. Gli investigatori del nucleo di Crotone hanno quantificato in 5.599.591,48 euro la somma sottratta al fisco fra Ires, Iva ed Irap. Il gruppo delinquenziale: l’associazione a delinquere è stata costituita, promossa e organizzata da Antonio Aversa De Fazio di anni 56 di Melissa (Kr), imprenditore da tempo trasferitosi a Belfiore (VR), dove ha intrapreso un importante attività economica nel settore del commercio di inerti e dell’autotrasporto.

Aversa ha sempre mantenuto stretti legami con il territorio d’origine. Infatti dell’organizzazione fa parte Alfredo Minervino, 56 anni, promotore e organizzatore, con compiti di reclutamento di potenziali ‘soci’ alla consorteria truffaldina.

Inoltre, sono stati arrestati Raffaele Tucci cl. 77; Rocco Arena cl. ’71; Vincenzo Migale cl. ‘77 tutti di Cutro. Agli arresti domiciliari sono finiti Domenico Arena cl. 69 (fratello di Rocco); Ferdinando Menzà cl. 58; Franco Muto Caterisano cl. 78; Pasquale Macrì cl. ’70; Francesco Maggiore cl ’69 (anche loro originari di Cutro) nella loro qualità di associati, con il compito di riciclare il ricavato delle false fatture.

A Giovanni Della Rovere cl. ‘54 a cui, in concorso con Renato Domenico cl. 53, viene contestato il reato di corruzione, nella loro qualità di dipendenti comunali di Cutro. Giuseppe Martino cl. ‘78, di Cutro; Giovanni Pizzimenti cl. ’88; Giuseppe Pizzimenti cl. ’78 (quest’ultimo già detenuto per l’operazione “Stige”); Salvatore Nicastro cl. ’71 originari di Isola Capo Rizzuto sono stati arrestati per emissione di Foi da parte delle ditte e società ad essi riconducibili.

Articoli Correlati

La mostra antologica di Gaetano Zampogna al MARCA di Catanzaro

La mostra antologica di Gaetano Zampogna al MARCA di Catanzaro

Gli spazi espositivi del museo MARCA, dal 28 settembre 2019 al 22 novembre 2019, ospiteranno la mostra antologica di

Read More...
Droga: carabinieri trovano piantagione a San Luca

San Lorenzo (RC). Scoperta piantagione di marijuana, una denuncia

S. Lorenzo, a dimora quasi 600 arbusti. Denunciato 55enne a S.Luca (altro…)

Read More...
Una pattuglia dell'Arma dei Carabinieri in servizio a Reggio Calabria.

Polistena (RC). Truffa con simulazione acquisti, quattro indagati

Sequestrati beni a ex dipendenti di una stazione di servizio nel reggino (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu