LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Piccioni (LBC): Cittadini lasciati senza informazioni con spazzatura davanti casa

2 min read
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

Comunicato Stampa

Come ogni estate, in questi giorni in città si stanno ricreando delle condizioni di emergenza sul fronte rifiuti che, tra il caldo torrido di questi giorni e la quasi totale assenza di comunicazione da parte della commissione straordinaria, stanno determinando una situazione esplosiva sul piano ambientale e sociale.

Rivolgo un accorato appello alla commissione straordinaria e alla Lamezia Multiservizi: si comunichi immediatamente ai cittadini la reale situazione e come muoversi, soprattutto alla luce dell’annuncio diramato ieri dall’Ecosistem sullo stop del servizio di trattamento presso la propria piattaforma dei rifiuti ingombranti, del multimateriale e di carta e cartone da raccolta differenziata proveniente dagli 80 comuni della provincia di Catanzaro tra cui il nostro.

Ci giungono in queste ore numerose segnalazioni da cittadini e attività sulla mancata raccolta dei mastelli della differenziata addirittura dalla sera del 28 giugno e cumuli di spazzatura ammassata cominciano a vedersi in più parti della città. Non facciamo esplodere l’ennesima emergenza! Si attivi immediatamente un coordinamento tra Comune, Provincia e Regione per individuare una soluzione: caldo e rifiuti sono un mix micidiale, una bomba sanitaria che i nostri cittadini non possono tollerare. E, in ogni caso, non si lascino in cittadini come in queste ore nella totale disinformazione e con i mastelli della spazzatura davanti casa.

Una situazione emergenziale, che si sta estendendo a macchia d’olio nell’hinterland lametino e catanzarese, che mostra per l’ennesima volta l’inadeguatezza della giunta regionale a guida Spirlì. Che  programmazione è stata fatta in questi mesi sul fronte rifiuti?  La realtà è sotto gli occhi di tutti: i nostri Comuni lasciati soli sul fronte dell’emergenza mentre chi guida la Regione arriva sempre dopo e sempre tardi.

Colgo l’occasione per lanciare un appello per quanto riguarda la raccolta dell’organico, in particolare nel centro della nostra città, nella zona tra Corso Numistrano e Corso Giovanni Nicotera. Sono numerosissime le segnalazione di cittadini e associazioni, tra cui una nota protocollata e indirizzata da alcuni residenti della zona alcune settimane fa, con cui si chiede al Comune di intervenire su una situazione che è un vero “schiaffo” alla civiltà e che si ripresenta ogni mattina agli occhi dei cittadini: i sacchi dell’organico prodotto dai locali ammassati sul Corso intere giornate, fino al giorno previsto per la loro raccolta, sotto il sole cocente e in bella vista a chi passeggia. E’ una scena di palese inciviltà, un danno per l’ambiente e la salute dei cittadini, uno scempio del decoro urbano.

Chiediamo alla commissione straordinaria d’intesa con la Lamezia Multiservizi di intensificare la raccolta dell’organico, almeno nel periodo estivo, per i locali e le attività di ristorazione perché, soprattutto in un momento come questo in cui finalmente sta riprendendo la vita sociale e il lavoro delle attività, i cittadini non debbano ritrovarsi ogni mattina in pieno centro immagini indegne di una città civile.

 Rosario Piccioni (Lamezia Bene Comune)

Click to Hide Advanced Floating Content